LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA
 

BIRMANIA: IL FESTIVAL DEL LAGO INLE

ASIA / Birmania

L’itinerario proposto, seppur classico e breve, permette di cogliere le principali attrattive del paese dandovi anche l’opportunità di assistere al Festival della Pagoda Phaung Daw Oo, conosciuto come il Festival del Lago Inle, il più grande evento religioso dello stato Shan al quale partecipano migliaia di pellegrini e visitatori provenienti da tutto il mondo.
Per chi apprezza un’autenticità che ha pochi riscontri al mondo, questo itinerario in Myanmar offre l’occasione di assistere alla spettacolare Cerimonia di chiusura del Festival con la tradizionale “Regata dei rematori ad una gamba”. Durante il Festival la dorata imbarcazione reale, che riproduce le forme dell’uccello mitologico "karawaik", seguita da numerose e piccole barche, porta in processione di villaggio in villaggio quattro delle cinque statue del Buddha custodite nella Pagoda. Il programma prevede la visita di Yangon, dell’indimenticabile area archeologica di Bagan, una delle grandi meraviglie dell’Asia, delle antiche capitali di Mandalay e Amarapura e il romantico paesaggio del Lago Inle. I passaggi aerei sono previsti con Singapore Airlines, una delle più apprezzate Compagnie aeree orientali; indichiamo i nomi degli hotel, tutti di ottimo livello, e non solo la generica classificazione.
Non ultima la presenza dell’ esperto Kel 12, garantita con un minimo di soli 8 e un massimo di 16 partecipanti, offre ad ogni viaggiatore la possibilità di goderne pienamente la professionalità e di entrare meglio in contatto con le realtà locali.

 


Prezzo del Viaggio

A partire da: 3100 Euro

Questo viaggio prevede le riduzioni del Club, scopri con il tuo consulente quelle a te dedicate. Att.ne la riduzione è applicabile solo nei punti vendita e agenzie di viaggio che aderiscono al circuito Kel 12 Circle

Il Club

Questo viaggio dà diritto a 103 Impronte del Club.
Scopri tutti i vantaggi di Kel 12 Circle: il club dei viaggiatori.

Durata

11 giorni e di 8 notti.

Partecipanti

Partenza garantita con minimo 8 persone e il gruppo sarà composto al massimo di 16 persone.

Itinerario di viaggio

Tappa: 1 - Giorno: 1 - Partenza per Yangon con voli di linea con arrivo il giorno successivo. Pasti e pernottamento a bordo  
Partenza da Milano Malpensa con voli di linea per Yangon. Pasti e pernottamento a bordo.

Tappa: 2 - Giorno: 2 - Arrivo a Yangon; visiteremo la Pagoda Sule, il Grande Buddha Reclinato e la Pagoda Shwedagon  
Arrivo a Yangon in mattinata e trasferimento in hotel per un po’ di riposo prima di iniziare le nostre visite nel pomeriggio.Yangon è lo specchio della coinvolgente e contraddittoria realtà del Paese. Vi convivono il quartiere cinese, quello indiano e la Grande Moschea della zona musulmana, gli edifici coloniali e le antiche architetture religiose, gli ampi viali paralleli previsti dagli inglesi nel periodo dell’occupazione, i laghi, il fiume, i mercati, il verde, gli stupa che scintillano anche se non c’è il sole. Visiteremo il Grande Buddha Reclinato Chaukhtatgy, la dorata Pagoda Shwedagon, simbolo del Myanmar che veglia sulla città col suo pinnacolo ricco di migliaia di diamanti, rubini e zaffiri. Qui una variopinta folla di fedeli s’aggira a piedi nudi in senso orario, secondo le regole del Theravada, fra centinaia di Buddha seduti, reclinati, in piedi, con le mani in diverse posizioni, ognuna delle quali con il suo preciso significato. Intere famiglie di fedeli seduti con grande dignità e mitezza sul pavimento di uno dei tanti tempietti che fanno da corona al grande stupa dorato pregano, meditano, riposano. Senza dubbio la pagoda Shwedagon offre una delle più forti emozioni di un viaggio in Birmania.(camere disponibili a partire dalle h. 1400).

Tappa: 3 - Giorno: 3 - Di primo mattino trasferimento in aeroporto e volo per Heho. Si raggiunge il lago Inle, dove cominceremo le nostre visite. Nel pomeriggio, partecipazione al Festival  
Trasferimento all’aeroporto e partenza per Heho. Da Heho in auto proseguiamo per il lago Inle (35 km, 1 ora di viaggio) tra alture con risaie a secco e villaggi montani. Orti e mercati galleggianti, abitazioni su palafitte, pescatori che remano con i piedi per disporre delle mani libere, pagode, monasteri, laboratori per la seta, fanno da contorno alla permanenza nell’area del lago. Gli “Intha” popolano le rive e la superficie lacustre. Vivono su palafitte collegate da passerelle, coltivano orti sospesi in acqua ed i pescatori usano atleticamente enormi nasse. Ci troviamo sempre nella regione Shan a 1100 metri, una tra le aree meno integrate del Myanmar, con i commerci d’oppio e la gelosa conservazione d’autonomia culturale. Ma i locali sono ospitali, lavorano gli orti galleggianti realizzati intrecciando piante acquatiche, ancorate sul fondo con canne di bambù riempite di fango e vendono prodotti agricoli ed articoli d’artigianato su piccole imbarcazioni. Tra i prodotti locali tipici segnaliamo che oltre ai “cheroot”, i grossi sigari, e alla seta lavorata ad ikat, solo qui si trova la preziosa “bava dei fiori di loto” usata per realizzare costosi tessuti.Il lago è famoso anche per i suoi monasteri come il Nge Pechaung, conosciuto un tempo come il ‘Tempio dei gatti’, perché oltre ad ed essere abitato da molti gatti, che ci sono ancora oggi, vi viveva un monaco che gli aveva insegnato a saltare all’interno di un cerchio. Uno dei più famosi siti della Birmania è la Phaung Daw Oo Pagoda. Durante i giorni di festa la dorata imbarcazione reale, che riproduce le forme dell'uccello mitologico "karawaik", seguita da numerose e piccole imbarcazioni porta in processione quattro delle cinque statue del Buddha custodite nella Pagoda che sono state rivestite dai fedeli nel corso del tempo da innumerevoli foglie d’oro che ne hanno nascosto le sembianze.Le statue restano per una notte in ciascun villaggio sulle rive del lago per poi ritornare nella cerimonia di chiusura alla Pagoda Phaung Daw Ou. Siamo venuti in Birmania anche per assistere a questo Festival che si celebra appunto tra settembre ed ottobre tutti gli anni. Il corteo è aperto da lunghissime barche, strette e ogni villaggio ha la propria. Ad un certo punto arriva l’imbarcazione dei Buddha e tutti diventano più frenetici cercando di avvinarsi alla barca il più possibile per ricevere la benedizione. Uno spettacolo da non perdere!Pranzo in ristorante locale e cena in hotel.

Tappa: 4 - Giorno: 4 - Oggi assisteremo alla gara finale delle barche e visiteremo il villaggio di Indein con le sue mille pagode  
Dopo la colazione, di primo mattino, raggiungiamo il punto nel lago, da dove assisteremo alla gara finale delle imbarcazioni, durante la quale i rematori, con sapiente maestria sospingono le lunghe barche attraverso il lago.Percorriamo poi in canoe a motore la ragnatela di canali per raggiungere il villaggio di Inn Thein. Attraverso una sorta di infinito porticato che ripara dal sole centinaia di bancarelle, si arriva al sito archeologico Shwe Inn Thein. È un posto davvero particolare, abbandonato agli elementi naturali che ne accentuano i tratti antichi e selvaggi. Vi sono decine e decine di piccoli stupa e templi spesso assaliti da erbe ed arbusti che ne mettono fortemente a rischio stabilità ed esistenza, ma ne rendono ancora più interessante la visione.Pranzo in ristorante locale e cena in hotel.

Tappa: 5 - Giorno: 5 - Trasferimento in aeroporto e volo per Mandalay. Visita della città e dei suoi numerosi siti  
Al mattino trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo per Mandalay, l’ultima capitale reale birmana prima dell’avvento dell’impero coloniale britannico ed oggi la seconda città più popolosa dopo Yangon. Cominciamo la visita della città con uno dei più famosi luoghi sacri del Paese, la Mahamuni Paya, risalente al I secolo e nota soprattutto per l’enorme statua del Buddha ricoperto da uno strato d’oro formato da innumerevoli foglioline che i birmani vi applicano, che ne ha persino deformato le sembianze. L’accesso all’ area più sacra del tempo non è consentito alle donne.Nel vecchio quartiere reale si trova Shwenandaw, un bellissimo monastero in legno di teak intagliato e che originariamente si trovava all’interno del palazzo di Mandalay ed era parte dell’appartamento privato del re Mindon.La fondazione del re Mindon include anche la Pagoda Kuthodaw, “replica” della pagoda di Bagan di Shwezigon a forma rotonda. Costruita dal re Anawratha, è una delle pagode più venerate della Birmania e commemora la proclamazione da parte del re della dottrina buddhista Theravada come religione ufficiale di stato. Per rafforzare questa cosa, il re fece costruire 729 lastre di pietra che recano incise il Tipitika, il canone buddhista in lingua pali. Per finire la giornata saliamo al Mandalay Hill, punto di osservazione privilegiato per la vista panoramica di Mandalay.Pranzo in ristorante. Cena in albergo.

Tappa: 6 - Giorno: 6 - Escursione in barca lungo il fiume Ayearwaddy per raggiungere Mingun. Nel pomeriggio esploreremo l'antica capitale di Ava e Amarapura con il famoso ponte U Bein  
Iniziamo la giornata con l’escursione a Mingun. La raggiungiamo in barca privata, navigando l’Ayeyarwaddy per circa 2 ore. Il percorso è interessante per l’ambiente del fiume, le abitazioni e la gente che ci vive. Vediamo ciò che rimane della più grande pagoda del mondo, della sua enorme campana e del Tempio Myatheindan, la cui forma simboleggia il Monte Meru. Nel pomeriggio ci rechiamo ad Ava, un’antica capitale reale situata alla confluenza dei fiumi Ayeyarwaddy e Myitnge. Dopo aver attraversato il fiume con una piccola imbarcazione, utilizziamo dei calessi trainati da cavalli per visitare le rovine dell’antica capitale tra cui la vecchia torre di guardia pendente di 27 metri, e il monastero di Maenu Ok Kyaung, un’impressionante edificio in mattoni e stucco. Ava (oggi rinominata Inwa) fu capitale di vari regni birmani per quasi 400 anni ed ora è un piccolo villaggio di struggente bellezza. Sempre a bordo A bordo di calessi visiteranno il suggestivo Monastero Bargayar realizzato circa 200 anni fa in legno di tek (tra i più interessanti monasteri di tutto il paese).Prima di rientrare a Mandalay, raggiungiamo Amarapura, dove si trova il famoso ponte U Bein, costruito due secoli fa interamente in teak (il più lungo della Birmania) che attraversa il lago Taungthaman.Pranzo in ristorante locale e cena in hotel.

Tappa: 7 - Giorno: 7 - Trasferimento rilassante in barca a Bagan, dove arriveremo nel pomeriggio  
Dopo la colazione, raggiungiamo il molo per imbarcarci sul RV Pioneer, la nave che quotidianamente percorre il fiume tra Mandalay e Bagan. Giornata rilassante lungo il fiume Ayeyarwaddy, durante la quale sarà possibile ammirare la vita che si svolge lungo il fiume.Nel pomeriggio, arrivo a Bagan e trasferimento. In hotel.Pranzo a bordo e cena in hotel.

Tappa: 8 - Dal Giorno: 8 al Giorno 9 - Una giornata e mezzo dedicata alla scoperta di Bagan e dei suoi numerosi siti archeologici. Nel pomeriggio del secondo giorno, volo per Yangon  
Una giornata e mezzo dedicata alla scoperta di Bagan, una delle grandi meraviglie dell’Asia, uno di quei siti che restano indimenticabili. Più di 2000 templi, risalenti al X e XIII secolo, sparsi in un orizzonte immenso, in un paesaggio che cambia colore ad ogni ora del giorno. È un vero shock artistico, ma anche spirituale, per l’incredibile magia che il luogo ispira. Ovunque si guardi si ammirano rovine di tutte le dimensioni nella pianura ocra, rossa e verde: templi grandi e gloriosi come quelli di Ananda, Shwezigon e Dhamayangyi e pagode piccole e solitarie in mezzo ai campi. Una giornata dedicata alle visite dei templi dell’area archeologica: la più impressionante città morta della religione che vi sia al mondo. Quanto possiamo vedere oggi corrisponde grosso modo alla metà degli edifici religiosi innalzati nel brevissimo periodo di fortuna della città (dal 1000 al 1200), cui andrebbero aggiunti poi tutti i monasteri e le abitazioni in legno, naturalmente andati distrutti, compreso il palazzo reale, necessari ad ospitare una popolazione che contava allora un milione di abitanti. Non può mancare la visita della parte Sud Est di Bagan con i templi risalenti al XIII secolo: i templi di Nandamanya, Thambula e Lemyethna, noti per le loro interessanti pitture murali di carattere Mahayana.Il Thatbyinnyu, il più alto dei templi di Bagan e la Bupaya Pagoda in stile Pyu sulle rive del maestoso fiume Ayeyarwaddy. Durante la permanenza a Bagan avrete anche l’occasione di visitare mercati e laboratori di lacca.Pranzi in ristoranti locali e cene in hotel. Pernottamento in hotel a Bagan il primo giorno.Nel pomeriggio del secondo giorno, trasferimento in aeroporto e volo per Yangon. All’arrivo trasferimento all’hotel Kandawgyi Palace. Un’esperienza indimenticabile è il sorvolo della piana di Bagan in mongolfiera (facoltativo e soggetto alle condizioni meteorologiche). Consigliamo di effettuare la prenotazione dall’Italia perché i posti disponibili sono limitati.NB: l’ordine delle visite potrebbe subire delle modifiche (qualche visita potrebbe essere anticipata al giorno precedente o al giorno successivo).

Tappa: 9 - Giorno: 10 - Completamento della visita di Yangoon e nel primo pomeriggio trasferimento in aeroporto per il volo per Milano  
Ancora una mezza giornata dedicata alla visita di Yangoon. La Sule Pagoda, il punto di riferimento del centro della città. Breve camminata tra le bancarelle dove i locali si fermano a mangiare, fino a raggiungere lo Strand Hotel, un lascito dell’era coloniale, aperto nel 1901 dai famosi fratelli Sakies. Non può mancare una sosta al famoso Bogyoke market, dove si possono trovare tutti gli oggetti di artigianato che abbiamo visto durante in nostro viaggio in Birmania.Dopo il pranzo in ristorante locale, trasferimento in aeroporto per il volo per Milano Malpensa. Pasti e pernottamento a bordo.

Tappa: 10 - Giorno: 11 - Arrivo in Italia  
Arrivo a Milano Malpensa la mattina presto.Shwedagon Pagoda 2. Piana di Bagan 3. Fiume Irawwady

PARTENZE


05/10/2017 - Sarai accompagnato da:   NICOLA PAGANO  

Prezzo del viaggio 3.810 Euro TUTTO INCLUSO

Iscrivendosi al club avrai molti vantaggi, tra cui riduzioni di prezzo variabili.
Il prezzo del viaggio per utenti che appartengono al:
LIVELLO 1: 3.810 Euro
LIVELLO 2: 3.748 Euro
LIVELLO 3: 3.686 Euro
LIVELLO 4: 3.593 Euro
LIVELLO 5: 3.531 Euro



Gallery


Richiedi un preventivo

Email*:  
Data Partenza:
Data Ritorno:
Numero Adulti:
Numero Bambini:
Aeroporto di Partenza:
Vuoi volare in business:
Budget:
Tipo Sistemazione:
Lingua Guida:
 
L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei conforni di Kel 12 Travel S.p.A. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 Travel S.p.A. nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le regole di tutela della privacy proposte da Kel 12 Travel S.p.A.

 

 

Servizi inclusi nelle quote viaggio

Per questo itinerario, a parziale modifica di quanto riportato nella scheda tecnica, le penali di annullamento saranno applicate nella seguente misura:

 

100% a partire dalla data di conferma di prenotazione.

 

 

Questi prezzi sono ancorati al rapporto di cambio (1 euro = 1,10 USD) e possono essere soggetti ad adeguamento valutario (valgono le condizioni di vendita da catalogo).

La percentuale della quota pagate in valuta estera è del 55% del prezzo del viaggio.

 

Prenota Senza Pensieri. Tutela il prezzo del viaggio da eventuali adeguamenti valutari.

Modalità:

 

  • In fase di prenotazione dovrai comunicare la volontà di aderire al “Prezzo bloccato”;
  • Potrai così conoscere da subito l’importo forfettario richiesto a copertura dell’adeguamento valutario, che normalmente viene comunicato fino a 21 giorni prima della partenza;
  • Ovviamente il “Prezzo bloccato” è facoltativo. Decidendo di non aderire, gli eventuali adeguamenti ti verranno comunicati fino a 21 giorni dalla partenza;
  • Il Blocco Prezzi può essere applicato solo alle prenotazioni effettuate fino a 45 giorni prima della partenza.

 

 

La quota comprende:

 

  • Volo di linea internazionale in classe economica
  • Voli di linea domestici
  • Franchigia bagaglio aereo voli intercontinentali kg. 30 per persona, sui voli domestici kg. 20
  • Trasferimenti da/per gli aeroporti all’estero
  • Trasporti interni in pullmino con aria condizionata
  • Trasporto in barca da Mandalay a Bagan
  • Barca da Mingun ad Ava e canoe a motore al Lago Inle
  • Calesse ad Ava
  • Sistemazione negli alberghi indicati in programma o similari
  • Trattamento di pensione completa dal pranzo del 2° giorno al pranzo del 10°giorno
  • Visite ed escursioni come da programma con guida locale parlante italiano
  • Accompagnatore Esperto Kel12 dall’Italia con un minimo di 10 partecipanti
  • Ingressi, tasse e percentuali di servizio

 

 

La quota non comprende:

 

  • Le bevande, le mance e il facchinaggio (negli aeroporti negli alberghi)
  • Il visto d’ingresso
  • Le tasse aeroportuali, il fuel surcharge
  • Extra personali in genere e tutto quanto non espressamente indicato nel programma e al paragrafo “la quota comprende”

 

 

 

Bene a sapersi

  • In Birmania, periodicamente, le pagode, specie quelle dorate, sono sottoposte a restauro.
  • Dal settembre 2014 al febbraio 2015 era previsto un intervento anche nel complesso sacro Shwedagon di Yangon che è stato completato. Questi lavori sono comunque ciclici ed è possibile che nel momento in cui si visita il sito parte della pagoda principale sia ricoperta da impalcature di bambù. Il resto del complesso è però fruibile, e gli stessi lavori sulla pagoda più alta potranno essere motivo di ulteriore interesse per i visitatori. Si tratta di un impegno che vede coinvolti molti birmani. Diffusissima è la pratica di offrire gratuitamente la propria opera, perché concorrere al buon mantenimento e restauro dei luoghi sacri costituisce motivo per acquisire meriti, ampiamente riconosciuti dal Buddhismo. Per questo, proprio perché si tratta di un lavoro meritorio, lo scopo principale non è quello di "fare in fretta", ma di mettere la massima cura nella migliore riuscita dell'impresa, per la quale potrebbe essere necessario un tempo ancora più lungo di quello preventivato.
  • Le autorità di Bagan hanno imposto, il divieto di salita su tutte le strutture religiose giorno e notte per salvaguardare i monumenti e per l'incolumità delle persone, dopo il verificarsi di spiacevoli episodi di danneggiamenti alle cose e cadute di persone. Si può salire solo su alcuni monumenti che vi saranno segnalati dalla vostra guida.
  • A cause del terremoto dell’agosto 2016, alcuni monumenti di Bagan sono stati danneggiati e quindi è possibile che delle impalcature ricoprano alcune pagode.
  • In Birmania, periodicamente, le pagode, specie quelle dorate, sono sottoposte a restauro.
  • L’ordine delle visite ed escursioni in ciascuna località può essere soggetto a variazioni per motivi di opportunità contingenti in funzione degli operativi aerei, senza compromettere le peculiarità del viaggio.
  • I tempi di percorrenza riportati nel programma sono indicativi e dipendono dal traffico/condizioni delle strade/ /soste fotografiche richieste dal gruppo.
  • I voli interni possono essere soggetti a modifiche di orario e cancellazioni talvolta senza alcun preavviso.
  • L’accesso a tutti i luoghi sacri in Birmania è consentito solamente scalzi (spesso anche senza calzini). L’organizzazione locale fornisce comunque sempre delle salviette umidificate da utilizzare all’uscita.
  • Il clima in Birmania è tropicale, contraddistinto da tre stagioni: calda da aprile a maggio, monsonica con piogge ed alta umidità da giugno a settembre, fresca da ottobre a febbraio/marzo (il tempo è secco e soleggiato). Tuttavia negli ultimi anni il cambiamento mondiale di clima ha fatto sì che anche in Birmania le stagioni non siano più ben definite e si sono verificate punte di freddo o pioggia nei mesi di dicembre e gennaio.
  • Anche se la situazione è in continua evoluzione, le carte di credito sono accettate solo negli alberghi di Yangon, Mandalay e Bagan.
  • Gli euro non sono ancora entrati nelle più diffuse abitudini commerciali dei birmani, anche se negli uffici cambio degli aeroporti e di alcuni hotel è possibile utilizzarli. Si consiglia di arrivare in Myanmar con sufficiente valuta in dollari americani in contanti. Si ricorda che i dollari emessi prima del 2001 non vengono più né accettati né cambiati, a causa delle numerose falsificazioni. Le banconote devono essere nuove: non vengono accettate banconote con macchie, strappi, segni o altre imperfezioni.
  • In Birmania il GSM International Roaming non è sempre attivo e l’uso dei telefoni cellulari provenienti dall’estero non è garantito. È necessario controllare con il vostro operatore prima della partenza se ci sono degli accordi attivi nel Paese. È possibile anche acquistare una SIM card locale.
  • Nei grandi alberghi è spesso disponibile la connessione wifi gratuita.