LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA
 

DAL GUJARAT AL RAJASTHAN

ASIA / India

PROGRAMMA E PREZZI IN FASE DI ELABORAZIONE

Marco Restelli, indianista e giornalista, conosce molto bene il Gujarat ed il Rajasthan ed è un grande esperto sia del pensiero politico nonviolento del Mahatma Gandhi, sia delle altre importanti filosofie religiose dell’India.
Il Gujarat è lo stato in cui nacque e visse Gandhi, il liberatore dell’India dagli inglesi, l’apostolo della Nonviolenza, detto per questo il "Mahatma", cioè Grande Anima. Gandhi era un induista influenzato dal Cristianesimo ma soprattutto dal Giainismo; dedicò quindi tutta la vita a insegnare la pratica della Nonviolenza in tutti i campi della vita sociale. In Gujarat la sua eredità è ancora viva e noi, ad Ahmedabad, incontreremo donne, uomini e istituzioni che tengono accesa quella fiaccola. Visiteremo la sede della Sewa, il sindacato gandhiano e nonviolento delle donne, di cui vedremo le molteplici attività: dalla banca del microcredito (Sewa Bank) alla cooperativa femminile di documentari di denuncia sociale (Sewa Video). Poi andremo all’Università Gandhiana – l’unica di questo genere al mondo – di cui il Mahatma fu fondatore e primo rettore nel 1920, per constatare come si possa insegnare "sviluppo economico nonviolento" e fare meditazione tutti insieme, studenti e insegnanti, prima di andare a lezione in classe. Infine andremo dove visse Gandhi: nel suo Sabarmati Ashram, dove la commovente semplicità del suo stile di vita è ancora percepibile e dove si mantiene vivo ancora oggi il dialogo fra le 13 diverse comunità religiose che vivono nella città di Ahmedabad.
Dal Gujarat ci trasferiremo nell’atmosfera fiabesca del Rajasthan, tra cittadelle fortificate, fastosi palazzi e colorati bazar.
Un viaggio denso di visite e coinvolgimenti emotivi, ma non difficile.
Abbiamo previsto anche Agra per la visita al Taj Mahal, il mausoleo fatto costruire nel 1632 dall’imperatore mughal Shah Jahan in memoria della sua amata moglie, dichiarato nel 2007 una delle sette meraviglie del mondo moderno.  


Prezzo del Viaggio

A partire da: 3500 Euro

Questo viaggio prevede le riduzioni del Club, scopri con il tuo consulente quelle a te dedicate. Att.ne la riduzione è applicabile solo nei punti vendita e agenzie di viaggio che aderiscono al circuito Kel 12 Circle

Il Club

Questo viaggio dà diritto a 145 Impronte del Club.
Scopri tutti i vantaggi di Kel 12 Circle: il club dei viaggiatori.

Durata

17 giorni e di 15 notti.

Partecipanti

Partenza garantita con minimo 10 persone e il gruppo sarà composto al massimo di 16 persone.

Itinerario di viaggio

Tappa: 1 - Giorno: 1 - Partenza da Milano per Ahmedabad con voli di linea via Dubai o Abu Dhabi  
Al mattino partenza da Milano Malpensa per Ahmedabad con voli di linea via via Abu Dhabi oppure via Dubai, secondo la compagnia aerea riconfermata. Pasti e pernottamento a bordo. Arrivo durante la nottata.

Tappa: 2 - Giorno: 2 - Ahmedabad: visita della città vecchia e del Calico Museum  
All’arrivo trasferimento in albergo per qualche ora di riposo.Ahmedabad: scopriamo i molteplici volti di questa ex capitale del Gujarat che è tuttora la città più importante dello Stato. Il Gujarat è lo Stato indiano in cui nacque, visse e si affermò politicamente il Mahatma Gandhi, l'apostolo della Nonviolenza che fu anche il padre della nazione indiana. Ma Ahmedabad, oltre a conservare molte eredità gandhiane, è anche la città in cui sono evidenti le tracce di una lunghissima storia multiculturale. Cominceremo a seguire queste tracce con un tour nella Città Vecchia per ammirare i suoi palazzi di stile indo-musulmano e le sue antiche moschee di pietra finemente scolpita. Poi rimarremo incantati dalla raffinatissima arte tessile esposta nel Calico Textile Museum, il più bel museo tessile dell'India e forse dell'intera Asia. Pensione completa (pranzo in ristorante locale, cena e pernottamento in albergo).

Tappa: 3 - Giorno: 3 - Ahmedabad. Il sindacato delle donne e l'università gandhiana  
Giornata dedicata a incontrare le protagoniste e i protagonisti di due grandi istituzioni gandhiane tuttora vivissime e a condividere la loro esperienza. La prima di queste istituzioni, nel cuore moderno della città, è la Sewa (Self Employed Women Association) che, con due milioni di iscritte, è il più grande "sindacato" di genere per le lavoratrici precarie dell'India, ed è ispirato ai valori gandhiani della Nonviolenza, semplicità e solidarietà. Fondata nel 1972 dalla sindacalista gandhiana Ela Bhatt, oggi la Sewa è più che un sindacato perché ha una serie di articolazioni che operano per migliorare la condizione delle donne in tutti i campi. Noi entreremo nella sede centrale della Sewa Bank: fondata nel 1974, fu la prima banca di micro credito dell'India (e del mondo) rivolta specificamente alle donne e alle loro cooperative. Sul modello della Sewa Bank nacque più tardi la World Women Bank di New York. Discuteremo con le esponenti della Sewa del funzionamento del micro credito, poi incontreremo la Presidente della Sewa e infine (se possibile) una documentarista della Sewa Video, la cooperativa femminile di film-makers che realizzano documentari di denuncia sociale, premiati in diversi festival.Dopo la Sewa visiteremo una seconda istituzione gandhiana, frutto del costante impegno del Mahatma sul piano educativo: l'Università Gandhiana (Gujrati Vidyapith) di cui il Mahatma fu fondatore e primo Rettore nel 1920. Questa università unica al mondo tiene corsi di studio in vari campi alla luce dei valori gandhiani (per esempio "Sviluppo economico nonviolento" oppure "Arte e Nonviolenza") ma educa anche i suoi studenti a uno stile di vita improntato ai valori gandhiani. Perciò noi assisteremo a una meditazione collettiva di studenti e professori in Aula Magna, che filano all'arcolaio (come faceva Gandhi) e meditano insieme prima di andare nelle classi per le lezioni. Pensione completa (pranzo in ristorante locale, cena e pernottamento in albergo).

Tappa: 4 - Giorno: 4 - Ahmedabad. Visita ai pozzi monumentali e all'ashram di Gandhi  
Giornata dedicata all’esplorazione di Ahmedabad. Visitiamo alcuni Vav, i pozzi monumentali. Li chiamano “pozzi” ma in realtà sono templi sotterranei: ampie gradinate coperte portano a livelli inferiori fra pareti istoriate da bassorilievi, fino ad arrivare in fondo, cioè al vero e proprio pozzo da cui si traeva l’acqua. La città di Ahmedabad conserva alcuni dei più spettacolari esempi di queste originali architetture “al contrario”, realizzate nel quindicesimo secolo e tipiche di questa zona. Nel pomeriggio cominceremo la scoperta della "Ahmedabad gandhiana" partendo dal Sabarmati Ashram, il luogo di ritiro spirituale ("ashram") sulla riva del fiume Sabarmati dove vissero per molti anni il Mahatma Gandhi e la moglie Kasturba; oggi sono luoghi di pellegrinaggio e di preservazione della memoria. Visiteremo la casa dei Gandhi (di una semplicità commovente, come era appunto l'uomo) e il piccolo museo dedicato alla sua vita e alle sue lotte nonviolente. Da qui, per esempio, partì nel 1930 la storica Marcia del Sale con cui Gandhi fece sollevare tutta l'India contro gli inglesi. Pensione completa (pranzo in ristorante, cena e pernottamento in hotel).

Tappa: 5 - Giorno: 5 - Partenza per Balaram, con soste per le visite di Modhera e Patan  
Partenza per Modhera, dove si visita il Tempio del Sole del 1026, uno dei più interessanti esempi di architettura hindu, anche se praticamente ignorato dal turismo di massa che predilige l’omonimo tempio di Konark in Orissa (più giovane di due secoli). Il tempio ha un abbondante addobbo scultoreo che orna ogni centimetro quadrato della sua superficie con figure di dei, animali e fiori. Proseguimento per Patan, famosa per il Rani Ki Valv, splendido pozzo a gradini (baoli) del 1056 fatto costruire dalla regina della dinastia Solanki. Patan è anche celebre in tutta l’India per la produzione dei sari “patola”, esempio eccezionale di artigianato artistico. Pertanto faremo una visita al laboratorio dell’ultima famiglia di artigiani che continua a mantenere viva questa tessitura tradizionale. Pranzo vegetariano in ristorante lungo il percorso.Nel pomeriggio proseguimento per Balaram per il pernottamento prima di continuare il nostro viaggio verso il Rajasthan. Cena e pernottamento in albergo.

Tappa: 6 - Giorno: 6 - Partenza per Mount Abu, in Rajasthan  
Lungo una strada che s’inerpica sui monti Aravalli, punteggiati da enormi formazioni rocciose, si giunge nell’oasi verde di Mount Abu (1200 m), ma la tappa d’obbligo sono i templi jainisti di Dilwara del XI-XIII sec. (a 3 km dal centro) che si visiteranno dopo pranzo. Considerati tra i più belli del territorio indiano, vantano una decorazione complessa e delicata e sembrano scolpiti in avorio. Molti studiosi li ritengono stilisticamente superiori al Taj Mahal (la visita si effettua rigorosamente a piedi nudi, ed è proibito scattare fotografie all’interno dei templi). Sistemazione in quella che un tempo fu la residenza estiva del Primo Ministro dello stato del Marwar, la Connaught House, HYPERLINK "http://www.welcomheritagehotels.in/hotel-details/Connaught-House" http://www.welcomheritagehotels.in/hotel-details/Connaught-HousePensione completa (pranzo e cena in hotel).

Tappa: 7 - Giorno: 7 - Viaggio verso Udaipur con sosta ai templi di Nagda ed Eklinji  
Al mattino partenza per Udaipur. Arrivo, sistemazione in albergo e pranzo.Nel pomeriggio proseguimento per il bel tempio di Nagda (sculture del XI sec.). Nel tardo pomeriggio trasferimento al tempio di Eklingi (IX-XV sec.) per assistere alla cerimonia dell’Aarti di grande suggestione (ingresso al tempio a piedi nudi e senza borse). Pensione completa (pranzo e cena in albergo).

Tappa: 8 - Giorno: 8 - Visita di Udaipur che terminerà con una suggestiva escursione in barca sul lago Pichola  
Fondata nel 1568 dalla maharana Udai Singh, la città di Udaipur compete con le più famose creazioni dei Moghul per l’eccentricità, la squisita eleganza e la superba creatività. Appena si valica il Tripolia Pol, una delle porte d'accesso al Palazzo di Città, si ha l'impressione di entrare nel mondo incantato delle fiabe d’Oriente. Esso immette nella corte d’onore del City Palace, un tempo fastosa dimora dei sovrani del Mewar e oggi museo. Arroccato su una collina affacciata sul Lago Pichola, il complesso edificio si presenta come un miscuglio di severa architettura militare rajput all'esterno e di sontuosa arte decorativa all'interno. Visiteremo inoltre il più famoso dei tanti giardini della città, il Giardino delle Damigelle d’Onore (Sahelion ki Bari), con il bacino dei fiori di loto guardato da quattro elefanti marmorei e i padiglioni in marmo nero immersi tra i fiori. Nel tardo pomeriggio durante l’escursione in barca sul lago Pichola (se le condizioni di navigabilità lo permetteranno) ammireremo Udaipur in tutta la sua bellezza e faremo una sosta al Jag Mandir, il suggestivo piccolo palazzo del XVII sec. che sembra fluttuare sulle acque del lago.Pensione completa (pranzo e cena in hotel).

Tappa: 9 - Giorno: 9 - Partenza per Jodhpur con sosta per la visita allo splendido tempio di Ranakpur  
Di buon mattino partenza per Jodhpur. Lungo il percorso verrà effettuata la visita al superbo tempio di Ranakpur, dedicato ad Adinath, il primo dei Tirthankaras jain (il tempio apre alle ore 12,00 e chiude alle 16,00). L'aspetto disadorno dell'esterno non prepara all'incredibile esplosione di complessità architettonica e artistica degli interni. Entrando, gradualmente la vastità della struttura, gli equilibri architettonici e la simmetria avvolgeranno completamente il visitatore. La visita, che si effettua rigorosamente a piedi nudi, consente di ammirare i ricchi ornamenti, la delicatezza e l'accuratezza delle sculture, le proporzioni gigantesche delle 1444 colonne, ognuna decorata con motivi unici. Nel tardo pomeriggio arrivo a Jodhpur, la “città azzurra”, che si frastaglia intorno alle pendici irregolari della sua rocca. L’azzurro, il colore degli dei, un tempo distingueva le case dei brahmini, la casta sacerdotale egemone nella società indiana. Sistemazione in albergo.Pensione completa (pranzo in ristorante, cena e pernottamento in albergo).

Tappa: 10 - Giorno: 10 - Trasferimento a Jaisalmer, la città più occidentale del Rajasthan in pieno deserto del Thar  
Al mattino visita del Forte Mehrengarh, oggi sede di un interessante museo. Arroccato su un declivio roccioso, si staglia imponente e maestoso con le sue mura, le torri cilindriche e le sette porte fortificate. L'ultima di esse, la Laha Pol (porta di ferro), riporta le impronte delle Rani della città sacrificatesi sulla pira dei loro sposi nella cerimonia del sati. Si visiterà inoltre il mausoleo di Jaswant Thanda ed i cenotafi della famiglia reale (il miglior luogo da dove fare foto al Forte ed alle case azzurre).Nel pomeriggio trasferimento a Jaisalmer, la città più occidentale del Rajasthan ubicata in pieno deserto del Thar. Fondata nel 1156 dal principe Rajput della casata dei Bhatti, Jaisalmer, regina del deserto, si presenta come un miraggio di torrioni ocra sulla sommità di un colle che domina la piana. Ebbe un lunghissimo periodo di prosperità poiché le carovane, che attraversavano queste zone aride e desolate in direzione del Sind (oggi in Pakistan), vi passavano per rifornirsi d’acqua e di mercanzie.Pensione completa (pranzo in albergo a Jodhpur, cena e pernottamento in albergo a Jaisalmer).

Tappa: 11 - Giorno: 11 - Visita di Jaisalmer  
Giornata dedicata alla visita di Jaisalmer, una meravigliosa città che si legge attraverso i suoi numerosi monumenti, le incredibili haveli di filigrana, le piazzette, i templi. In questo luogo magico, tutto, dall’architettura delle case e dei templi, ai volti e costumi della gente, riporta indietro nel tempo. La visita si rivela, dunque, altamente suggestiva.Pensione completa (pranzo e cena in hotel).

Tappa: 12 - Giorno: 12 - Proseguimento per Bikaner e visita al forte di Junagarh  
Partenza per Bikaner, la capitale della dinastia Rathore e antico centro carovaniero alle soglie del deserto del Thar. Arrivo e sistemazione in albergo.Nel pomeriggio visita del Forte di Junagarh del XVI sec. che racchiude all'interno di massicci bastioni di arenaria, splendidi palazzi con graziosi padiglioni da cui troneggiano numerose balconate. La parte più antica del complesso, Lal Niwas, è uno spettacolo di decorazioni floreali stilizzate in rosso e oro.Pensione completa (pranzo e cena in hotel).

Tappa: 13 - Giorno: 13 - Partenza per Jaipur attraversando la regione dello Shekhawati  
Si parte molto presto al mattino in quanto la giornata è impegnativa e prevede un lungo trasferimento verso Jaipur attraverso l’area dello Shekhawati, la regione semidesertica famosa per l’eredità culturale del popolo locale e della ricca comunità Marwar proprietaria degli haveli affrescati. Verso le ore 14,00 arrivo a Jaipur, conosciuta come la 'città rosa' per il colore dei suoi edifici nella zona vecchia. Insieme a Delhi ed Agra fa parte del cosiddetto "Triangolo d'Oro" dell’India ed è stata la prima città costruita secondo un assetto urbano definito dal famoso re-astronomo Sawai Jai Singh.Visita dell’osservatorio astronomico (Jantar Mantar) fatto costruire dal Maharaja Jai Singh nel XVIII secolo, del famoso Palazzo dei Venti ed del Palazzo di Città che custodisce preziose collezioni di costumi, miniature, tappeti e armi mughal.Pensione completa (il pranzo è previsto in albergo o in ristorante secondo l’orario di arrivo, cena e pernottamento in albergo).

Tappa: 14 - Giorno: 14 - Escursione alla famosa Fortezza di Amber e partenza per Agra  
Visita alla famosa fortezza-palazzo di Amber del XVI sec., situata ad 11 km da Jaipur. Salita alla reggia in elefante oppure in jeep (per salire in elefante si deve fare la coda, verrà scelta al momento la soluzione migliore), il panorama sulla vallata è splendido ma ancor più stupefacente è lo spettacolo delle architetture moghul e delle decorazioni, che culminano nei mosaici formati da specchi e stucchi del “Palazzo del Piacere”.Al termine della visita trasferimento ad Agra, l’antica capitale della dinastia Moghul in alternanza con Delhi. Lungo il percorso sosta a Fatehpur Sikri (40 km da Agra), la bellissima città voluta da Akbar e poi abbandonata.Pensione completa (pranzo in ristorante, cena e pernottamento in hotel).

Tappa: 15 - Giorno: 15 - Agra - Delhi  
Al mattino visita del Taj Mahal (chiuso il venerdì), dichiarato nel 2007 una delle cosiddette sette meraviglie del mondo moderno. Il mausoleo, fatto costruire nel 1632 dall'imperatore moghul Shah Jahan in memoria della moglie, è da sempre considerato una delle più notevoli bellezze architettoniche dell'India e del mondo.Proseguimento per Delhi. Arrivo e sistemazione in albergo.Pensione completa (pranzo in ristorante e cena in albergo).

Tappa: 16 - Giorno: 16 - Visite di Delhi e nel tardo pomeriggio trasferimento in aeroporto  
Dedichiamo la giornata ad alcune visite di Delhi. Partiamo dalla Delhi giainista: si comincia dall'unico luogo giainista di Delhi dotato di una pur minima notorietà, l'affascinante Sri Digambar Jain Lal Mandir di Chandni Chowk, un tempio della scuola dei Vestiti di Aria (che però qui non si mostrano nudi e non praticano certi riti) con l'annesso Ospedale degli Uccelli dove tutti i volatili feriti o malati vengono curati gratuitamente dai giainisti e poi messi in libertà o, se non possono più volare, tenuti in cura per sempre. La vicinanza della Old Delhi ci dà l'occasione di entrare nei vicoli della Città Vecchia fino ad arrivare alla viuzza "nascosta" dei gioiellieri giainisti, dove si potrà fare uno shopping di gioielli tradizionali di alta qualità nei negozi che si trovano nei cortili delle case giainiste. Se riusciremo entreremo anche nel piccolo tempio nascosto che si trova alla fine del vicolo dei gioiellieri e che di rado viene aperto (impossibile notare l'entrata se non si sa dov'è). Trasferimento in aeroporto e partenza con voli di linea per Milano via Dubai o Abu Dhabi. Pernottamento a bordo. Pranzo in ristorante, cena libera in aeroporto.

Tappa: 17 - Giorno: 17 - Arrivo a Milano Malpensa  
Al mattino arrivo a Milano Malpensa.1.Taj Mahal 2.Donne del Gujarat 3.Forte di Mehrengarh

PARTENZE


28/07/2018 - Sarai accompagnato da:   MARCO RESTELLI  

Prezzo del viaggio 4.101 Euro TUTTO INCLUSO

Iscrivendosi al club avrai molti vantaggi, tra cui riduzioni di prezzo variabili.
Il prezzo del viaggio per utenti che appartengono al:
LIVELLO 1: 4.101 Euro
LIVELLO 2: 4.066 Euro
LIVELLO 3: 3.996 Euro
LIVELLO 4: 3.926 Euro
LIVELLO 5: 3.856 Euro



Gallery


Richiedi un preventivo

Email*:  
Data Partenza:
Data Ritorno:
Numero Adulti:
Numero Bambini:
Aeroporto di Partenza:
Vuoi volare in business:
Budget:
Tipo Sistemazione:
Lingua Guida:
 
L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei conforni di Kel 12 Travel S.p.A. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 Travel S.p.A. nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le regole di tutela della privacy proposte da Kel 12 Travel S.p.A.

 

 

Servizi inclusi nelle quote viaggio

 

 

 

Prezzi quotati in euro e pertanto non soggetti ad adeguamento valutario.

 

 

La quota comprende:

 

  • Voli di linea Milano-Abu Dhabi-Ahmedabad-Delhi-Abu Dhabi-Milano in classe economy o altra compagnia IATA
  • Trasferimenti da/per gli aeroporti all’estero
  • Trasporti interni in minibus con aria condizionata
  • Sistemazione in camera doppia negli alberghi citati in programma (5 stelle o Heritage Hotel)
  • Trattamento di pensione completa
  • Visite ed escursioni come da programma con guida locale che parla inglese ad Ahmedabad, che parla italiano in Rajasthan
  • Accompagnatore dall’Italia al raggiungimento del numero minimo di partecipanti indicato
  • Ingressi, tasse e percentuali di servizio

 

La quota non comprende:

 

  • le bevande, le mance e il facchinaggio (né negli aeroporti né negli hotel)
  • il visto d’ingresso
  • permessi per fotografare nei vari siti ed ai monumenti
  • le tasse aeroportuali, il fuel surcharge
  • extra personali in genere e tutto quanto non espressamente indicato nel programma e al paragrafo “la quota comprende”

 

Bene a sapersi

  • I tempi di percorrenza riportati nel programma sono indicativi e dipendono dal traffico/condizioni delle strade/soste fotografiche richieste dal gruppo.
  • Il viaggio si svolge su strade asfaltate ma con fondo stradale  danneggiato in alcune zone. I limiti di velocità sono molto bassi a causa del traffico o per presenza di animali.
  • Le videocamere e le macchine fotografiche pagano "tassa d'ingresso" ai  monumenti.
  • Il Gujarat è l’unico “dry State” dell’India. Pertanto gli alberghi ed i ristoranti “ufficialmente” non servono alcolici. I clienti stranieri possono acquistarli in alcuni alberghi forniti di licenza speciale e consumarli in camera.
  • I pasti in Gujarat sono prevalentemente vegetariani.
  • La visita del Museo Calico (chiuso il mercoledì) è soggetta a riconferma.
  • In Gujarat non ci sono guide locali che parlano italiano.
  • La stagione delle piogge coincide con la nostra estate (da giugno ad agosto/settembre); in questo periodo si sente l’influenza dei monsoni che portano acquazzoni. Tutto sommato questo viaggio è fattibile in Agosto in quanto queste regioni hanno un clima più secco rispetto al resto dell’India ed il monsone dalla metà di agosto in poi ha una minore intensità.
  • Nei templi indiani si entra senza scarpe (si possono a volte indossare calze).
  • Le mance non sono incluse nella quota di partecipazione. Prevedere 80 euro a persona  da dividere  tra  autisti, guide,  facchini e personale in generale.