LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA
 

I TESORI DEL DESERTO ORIENTALE

AFRICA / Egitto

L’esperienza di un viaggio in Egitto, uno dei nostri, non è solo per il deserto, anche se forse quella è la parte avventurosa che ci piace di più, ma è soprattutto una grande e continua scoperta. Per gli appassionati di archeologia, di paleosuoli e arte rupestre sahariana questo è il paradiso. Nessun altro luogo infatti offre quanto l’Egitto. In questa spedizione abbiamo messo tutti gli ingredienti e alla fine il risultato è un giusto mix di scoperta e avventura. Ci avvaliamo dei mezzi più moderni per tracciare le rotte e seguire le piste, abbiamo un avanzato sistema di navigazione satellitare su mappe (GPS, mappe militari e telefoni satellitari), ma abbiamo soprattutto l’esperienza di veri autisti sahariani, di un capo spedizione d’eccezione, Ahmed Mestekawi “signore del deserto”, per 20 anni a capo del contingente anti contrabbando e sicurezza sulla frontiera libica e sudanese, un sahariano autentico, non solo per abitudine, ma per passione profonda. Una logistica di qualità che “fa la differenza”.
 


Prezzo del Viaggio

A partire da: 2980 Euro

Questo viaggio prevede le riduzioni del Club, scopri con il tuo consulente quelle a te dedicate. Att.ne la riduzione è applicabile solo nei punti vendita e agenzie di viaggio che aderiscono al circuito Kel 12 Circle

Il Club

Questo viaggio dà diritto a 124 Impronte del Club.
Scopri tutti i vantaggi di Kel 12 Circle: il club dei viaggiatori.

Durata

15 giorni e di 14 notti.

Partecipanti

Partenza garantita con minimo 6 persone e il gruppo sarà composto al massimo di 16 persone.

Itinerario di viaggio

Tappa: 1 - Giorno: 1 - Italia - Cairo  
Partenza da Roma per il Cairo con volo di linea Alitalia o Egypt Air. Arrivo in Egitto, formalità doganali e trasferimento in Hotel 4 stelle. Cena libera e pernottamento.

Tappa: 2 - Giorno: 2 - Cairo - Monastero di ST. PAUL - Jebel Galalah - Campo  
Partenza in mattinata in direzione del deserto Orientale. Tappa della giornata è il monastero di San Paolo l’Eremita; si tratta di un monastero copto ortodosso situato nel deserto orientale, vicino alle montagne del Mar Rosso. E’ situato a circa 155 km a sud-est del Cairo. Il monastero è conosciuto anche come il Monastero delle Tigri. San Paolo visse solo in compagnia di Dio, in una grotta dell’altopiano montuoso che si trova vicino al Mar Rosso denominato “Montagna delle Tigri”, per circa 90 anni. In quegli anni San Paolo ricevette la visita di Sant’Antonio il quale fu testimone della sua santità. Dopo che Sant’Antonio ritrovò San Paolo morto nella grotta inginocchiato in atto di pregare, inviò alcuni suoi discepoli per fondare un monastero nei luoghi dove aveva vissuto San Paolo nel IV secolo d.C.Il monastero fu attaccato più volte dai beduini, il che spinse l’Imperatore Giustiniano a costruire la torre e le mura nel VI secolo per proteggere i monaci. L’ultimo attacco da parte dei beduini data al diciassettesimo secolo. Tutti i monaci furono uccisi e il monastero fu incendiato. I beduini occuparono il monastero per circa cento anni e fu ricostruito solo nel diciottesimo secolo. La posa delle tende è a carico dei partecipanti, e così sarà per il resto del viaggio. Lo staff ed il capo spedizione sono sempre a disposizione per un aiuto e in caso di necessità. Pensione completa, pernottamento in tenda igloo.

Tappa: 3 - Dal Giorno: 3 al Giorno 4 - Wadi Abu Had - Wadi Qena -Wadi Abu Marwa - Bir Murayr Campo  
Entriamo nel Deserto Orientale d’Egitto, un’area di 222.000 km2 costituita da un altopiano sabbioso che sale bruscamente dalla valle del Nilo e si congiunge dopo circa 100 Km a est del Nilo con le montagne del Mar Rosso. Questa catena montuosa che attraversa il Deserto Orientale da nord a sud, è di origine vulcanica e può raggiungere i 2.187 metri di altezza (Monte Shaib al-Banat). Percorreremo il Wadi Qena, il Wadi Abu Marwa sino a Bir Murayr.Il deserto riceve precipitazioni piovose occasionali ed è ampiamente attraversato da wadi (letti asciutti dei torrenti stagionali). La maggior parte della popolazione sedentaria vive di pesca, estrazione di minerali, o lavora per le compagnie petrolifere lungo la pianura costiera del Mar Rosso ad est delle colline. Gli abitanti del deserto sono nomadi e vivono di pastorizia e di commercio. Il deserto orientale, relativamente isolato dal resto d'Egitto, è ricco di risorse naturali; oltre al petrolio nella zona del Canale di Suez, si trovano giacimenti di fosfato, amianto, manganese, uranio, e oro.Respiriamo l’aria del Sahara…Campi, pensione completa.

Tappa: 4 - Giorno: 5 - Om Balad - Deir Al-Atrash - Mons Claudianus - Wadi Atallah - Campi  
Il viaggio prosegue attraverso le piane sabbiose. Raggiungeremo Deir al-Atrash: (Monastero del Sordo), al-Saqqia, e al-Heita; si tratta prevalentemente di forti romani costruiti lungo la strada proveniente dalle cave di Mons Porphyrites e dei suoi dintorni e servivano anche il traffico proveniente da Mons Claudianus. Quest’ultimo si trova nel deserto orientale dell’Alto Egitto. Il sito è ubicato a nord di Luxor, tra le città egiziane di Qena, sul Nilo, e Hurghada, sul Mar Rosso, circa 500 km a sud del Cairo e 120 km a est del Nilo, a un'altitudine di circa 700 m, nel cuore della catena montuosa del Mar Rosso ai piedi del Jebel Fatira. I Romani scavarono nella cava di Mons Claudianus per circa due secoli, dal I secolo d.C. fino alla metà del III secolo d.C. Nel sito della cava o nelle sue vicinanze sono state rinvenute tracce di insediamenti antecedenti a quello romano. Le condizioni aride del deserto hanno permesso la conservazione di documenti e reperti organici. Mons Claudianus costituiva una fonte abbondante di granodiorite (roccia della famiglia del granito) per Roma. Il materiale qui estratto fu utilizzato per la costruzioni di notevoli strutture romane, tra le quali Villa Adriana a Tivoli, numerose terme pubbliche, pavimenti e colonne del tempio di Venere, il palazzo di Diocleziano a Spalato e le colonne del pronao del Pantheon di Roma. In particolare, le colonne del Pantheon erano alte ciascuna 12 m con diametro pari a 1,5 m e pesavano 60 tonnellate ciascuna.La struttura nel sito di Mons Claudianus è composta da un accampamento romano, abitazioni, laboratori, stalle e un dromos (corridoio che conduce all’ingresso di una sepoltura). Il campo è circondato da mura di granito con torri di difesa arrotondati agli angoli, per proteggerlo dagli attacchi dei beduini. La presenza di sorgenti di acqua calda presuppone che siano state utilizzate in un complesso impianto di riscaldamento sotterraneo per le terme. Sono ancora presenti molti frammenti di granito, e diverse rovine come una colonna e una parte di soletta. Gli scavi e gli studi effettuati in questo sito dimostrano che i lavoratori e i soldati che qui lavoravano avevano una dieta molto più ricca e più varia di quanto si pensasse. La dieta comprendeva grano, lenticchie, datteri, carne d'asino e vino, insieme a prelibatezze come carciofi, pinoli, melograno, uva, anguria e persino pepe nero proveniente dall'India. Lungo la strada che collegava le cave alla Valle del Nilo si trovano i resti di molti punti di ristoro. Pernottamenti al campo, pensione completa.

Tappa: 5 - Dal Giorno: 7 al Giorno 8 - Wadi Hammamat "The Cave of Boats" - Didymoi - Wadi Zeydun - Jabal Hadrabah - Wadi Al-Dabah - Wadi Hafafit - Campi  
L’antico Egitto, Wadi Hammamat: era una delle principali aree di scavo nella Valle del Nilo. Le prime tracce di scavo vengono fatte risalire al secondo millennio a.C. Wadi Hammamat è ricco di testimonianze archeologiche del suo sfruttamento, che proseguì anche in epoca romana, principalmente per il basalto considerato molto prezioso. In epoca faraonica il materiale proveniente da questa zona, e in particolare una pietra verde molto pregiata, la pietra Bekhen, venne utilizzato per bocce, palette, statue e sarcofagi. Il Faraone Seti risulta essere stato il primo ad aver ordinato lo scavo di un pozzo per fornire acqua al Wadi. Perlustreremo il Wadi alla ricerca dei siti che nascondono l’arte rupestre del Sahara, qui i primordiali graffiti e alcune antiche pitture.La storia di Wadi Hammamat risale a molto prima dell’epoca faraonica. Manufatti del periodo Badarian (circa 5500-4000 A.C) e numerose incisioni rupestri predinastiche, localizzate a nord est delle cave di pietra Bekhen, attestano l’antica importanza della zona. In epoca preistorica, oltre alle rappresentazioni di gazzelle, bovini dalle lunghe corna, giraffe, elefanti, struzzi ed altri animali, gli artisti che hanno realizzato queste immagini hanno anche scolpito barche a forma di falce, trappole per animali e cacciatori. Questa arte può rappresentare solo scene di caccia e di vita quotidiana o può avere significati magici o religiosi; noi semplicemente non lo sappiamo. La presenza di una ricca rappresentazione di fauna selvatica indica che nella tarda preistoria questo deserto fosse molto più fertile e ricco di vegetazione di quanto lo sia oggi. Lo stile in cui sono state effettuate queste incisioni, dal confronto con disegni dipinti su ceramica, permette di stabilire che furono eseguite un po’ prima della fine del IV millennio a.C.Campi, pensione completa.

Tappa: 6 - Dal Giorno: 9 al Giorno 13 - Wadi Al-Gemal - Le antiche Vie Romane - Wadi Hodein - Wadi Abraq - Wadi Al-Na'am - Wadi Al-Beida  
La spedizione prosegue lungo le antiche vie romane. Incontreremo Il forte di Abraq che si trova su un altopiano pianeggiante e si affaccia su un grande wadi lungo quella che sembra essere la rotta commerciale tolemaica più a sud per il Mar Rosso. Questa massiccia fortezza, larga più di 160 metri, fu costruita probabilmente per proteggere la rotta commerciale ed è situata vicino ad un pozzo. Vicino al wadi furono ritrovate alcune rocce ricoperte di graffiti raffiguranti gazzelle, elefanti, mucche, cammelli, guerrieri a cavallo, e croci cristiane. La fortezza fu costruita su un promontorio che si erge ad oltre cinquanta metri dalla base del wadi. L’edificio centrale è formato da ventotto camere che circondano un grande cortile. Edifici più piccoli sono stati costruiti all'interno delle mura meridionali esterne, e all'angolo sud-ovest si trova una grande torre che sovrastava l’ingresso al forte. I primi viaggiatori che visitarono questo forte (il francese Linant de Bellefonds, nel 1832, e l’americano Colston vent’anni più tardi) pensarono che questa fortezza fosse una roccaforte e una stazione di caccia agli elefanti. E' tuttavia improbabile che gli elefanti siano stati cacciati qui nel periodo tolemaico, quando le circostanze ambientali in questa zona ricordavano quelle dei nostri giorni. E' probabile che gli elefanti provenienti da sud si fermassero nei pressi del pozzo per dissetarsi durante i viaggi di trasferimento. Le giornate successive proseguiranno alla ricerca dei villaggi beduini Ma’aza, Ababda e Bisharin. I Beduini Ma’aza secondo le tradizioni orali, arrivarono nel deserto orientale egiziano solo poche centinaia di anni fa, nel 1700, dall’Arabia dove erano conosciuti con il nome di Beni Atiyya. La tribù migrò in Egitto attraverso il mare e via terra dal Sinai dopo che venne sconfitta da un’altra tribù rivale, gli Howeitat. Le 250 famiglie si stabilirono in Egitto e, all’inizio, continuarono la loro tradizione di effettuare raid per sottrarre ai contadini della valle del Nilo i terreni su cui far pascolare le greggi. Trovarono però molte difficoltà e questa loro usanza fu definitivamente fermata da Mohammad Ali nel 1803, che governò poi l’Egitto dal 1805 al 1848. Da allora i Ma’aza divennero nomadi pastorali. Il loro rapporto con l’ambiente è molto intimo e sanno capire piante ed animali. Si spostano nei luoghi dove sanno che crescono le piante buone per il cibo per curarsi o da utilizzare come foraggio per gli animali. Se necessario costruiscono delle tende chiamate “beit ash-Sha'ar” che significa "case di capelli". La vita dei Ma’aza è molto dura ma è una vita sana in cui libertà e onore sono i beni più preziosi. Sono ora considerati delle ottime guide e grandi conoscitori del territorio oltre che molto ospitali. Non potrà mancare l’incontro con i Beduini Ababda, da tempo immemorabile, sono conosciuti come pastori qualificati, allevatori di cammelli, e ottime guide per i commercianti e i pellegrini. Non usano le bussole, né navigano con le stelle; usano invece la direzione del vento e del sole nel loro deserto. La loro capacità di monitoraggio delle greggi è leggendaria e anche i bambini Ababda sanno distinguere le singole tracce degli animali della loro famiglia. Un ramo degli Ababda a fianco degli inglesi combatterono contro i Dervisci nel Sudan. Alcuni Beduini Ababda conducono una vita nomade, sono costantemente in movimento in cerca di acqua e pascoli per il loro bestiame e si dedicano alla raccolta di piante per cibo, medicine, e al commercio. I loro cammelli vengono normalmente scambiati con altre merci tra cui mais, fagioli, datteri, lino, pelle, e altre materie prime. Si dice che gli Ababda condividano con i Bisharin una curiosa credenza per cui gli animali sacrificati in una tomba si trasformano in gazzelle o stambecchi e godono particolare protezione. I Beduini Bisharin che occupano la terra da Berenice sud a Port Sudan, discendono da gruppi tribali neolitici di antica origine Hamitic e vivono nella zona da più di 4000 anni. Hanno una stretta affinità con il loro ambiente e la responsabilità che provano per la loro terra è radicata nella loro antica origine. Dai racconti tramandati si dice che la loro origine ebbe questo inizio: il loro primo antenato fu Bishar, che ebbe un nipote o pronipote chiamato Koka. Koka fu un sant'uomo e ebbe due mogli: Umm Ali e Umm Nagi. Nel corso degli anni entrambe le mogli diedero alla luce dei figli. Umm Nagi divenne la madre delle piante e degli animali di Gebel Elba, mentre Umm Ali divenne la madre dei Bisharin. Al momento della morte Koka decise di lasciare la sua vita terrena trasformandosi in una parte della montagna in modo che potesse sempre vegliare e proteggere i suoi figli. Questo racconto spiega la strettissima affinità che i Bisharin hanno con il loro ambiente e la responsabilità che provano per la terra. Dopo la costruzione della Diga di Assuan i Bisharin hanno perso gran parte della loro tradizionale terra di pascolo e molti di loro si sono insediati su entrambi i lati di Khor al-Allaqi. Rimangono anche vicini alla loro casa ancestrale e a Gebel Elba. Avremo modo durante queste giornate di stringere rapporti con i diversi gruppi per conoscerne gli usi e d i costumi e avvicinarci un po’ a queste tribù semi-nomadi. Campi, pensione completa.

Tappa: 7 - Giorno: 14 - Wadi Al-Zarqa - Marsa Alam - Cairo  
Il viaggio volge al termine, in giornata attraverso il Wadi Al Zarqa raggiungeremo Marsa Alam dove, dopo aver salutato l’equipe ed il Colonnello Ahmed, prenderemo il volo di rientro al Cairo. Pernottamento in hotel, cena libera.

Tappa: 8 - Giorno: 15 - Cairo - Italia  
Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto e partenza con volo di rientro a Roma.

PARTENZE


20/10/2017 - Sarai accompagnato da:   PAOLA ARTICO  

Prezzo del viaggio 3.375 Euro TUTTO INCLUSO

Iscrivendosi al club avrai molti vantaggi, tra cui riduzioni di prezzo variabili.
Il prezzo del viaggio per utenti che appartengono al:
LIVELLO 1: 3.375 Euro
LIVELLO 2: 3.315 Euro
LIVELLO 3: 3.225 Euro
LIVELLO 4: 3.165 Euro
LIVELLO 5: 3.106 Euro

10/11/2017    

Prezzo del viaggio 3.375 Euro TUTTO INCLUSO

Iscrivendosi al club avrai molti vantaggi, tra cui riduzioni di prezzo variabili.
Il prezzo del viaggio per utenti che appartengono al:
LIVELLO 1: 3.375 Euro
LIVELLO 2: 3.315 Euro
LIVELLO 3: 3.225 Euro
LIVELLO 4: 3.165 Euro
LIVELLO 5: 3.106 Euro

30/03/2018    

Prezzo del viaggio 3.375 Euro TUTTO INCLUSO

Iscrivendosi al club avrai molti vantaggi, tra cui riduzioni di prezzo variabili.
Il prezzo del viaggio per utenti che appartengono al:
LIVELLO 1: 3.375 Euro
LIVELLO 2: 3.315 Euro
LIVELLO 3: 3.225 Euro
LIVELLO 4: 3.165 Euro
LIVELLO 5: 3.106 Euro

16/11/2018    

Prezzo del viaggio 3.375 Euro TUTTO INCLUSO

Iscrivendosi al club avrai molti vantaggi, tra cui riduzioni di prezzo variabili.
Il prezzo del viaggio per utenti che appartengono al:
LIVELLO 1: 3.375 Euro
LIVELLO 2: 3.315 Euro
LIVELLO 3: 3.225 Euro
LIVELLO 4: 3.165 Euro
LIVELLO 5: 3.106 Euro



Gallery


Richiedi un preventivo

Email*:  
Data Partenza:
Data Ritorno:
Numero Adulti:
Numero Bambini:
Aeroporto di Partenza:
Vuoi volare in business:
Budget:
Tipo Sistemazione:
Lingua Guida:
 
L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei conforni di Kel 12 Travel S.p.A. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 Travel S.p.A. nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le regole di tutela della privacy proposte da Kel 12 Travel S.p.A.

 

 

Servizi inclusi nelle quote viaggio

Per partenze da altre città italiane chiedere precisazioni all’atto dell’iscrizione

 

Le quote comprendono

  • trasporto aereo A/R da Roma con volo di linea in classe economica
  • VOLvolo internoHurgada o Marsa Alam / Cairo
  • franchigia bagaglio aereo kg 15 per persona
  • trasferimenti da e per gli aeroporti in Egitto
  • trasporti interni con vetture 4x4
  • sistemazione in camera doppia in hotel di categoria 4 stelle (classificazione locale) a Il Cairo, e tenda igloo a due posti durante il circuito nel deserto
  • trattamento di pensione completa (sono esclusi i pasti al Cairo)
  • Accompagnatore esperto Kel 12 dall’Italia al raggiungimento del minimo partecipanti
  • ingressi, tasse e percentuali di servizio
  • omaggio

 

Le quote non comprendono

  • tasse aeroportuali, fuel surcharge
  • visto ottenibile all’arrivo (20 euro)
  • i pasti al Cairo
  • le bevande
  • le mance (circa 50 euro per tutto il tour)
  • il facchinaggio
  • i biglietti d’ingresso a monumenti, parchi, siti storici - archeologici
  • le eventuali tasse estere d’imbarco
  • tutto quanto non espressamente indicato nel programma.

 

Bene a sapersi

E’ necessario ricevere la scansione a colori del passaporto entro e non oltre 15 giorni prima della partenza. Oltre tale data non potremo accettare più nessun passeggero.

 

- Viaggio in regioni poco battute, occorre preventivare eventuali disguidi e ritardi

- I trasferimenti sono effettuati con auto fuoristrada 4x4 dove trovano posto 4 persone più l’autista. Le vetture sono dotate di radio che consentono un collegamento tra di loro con una copertura di circa 30 km. La prima vettura, quella del capo spedizione, è inoltre dotata di gps (global position system) e telefono satellitare. La presenza di un poliziotto al seguito da quando si parte a quando si rientra a Baharya, garantisce una snella procedura delle formalità ai punti di controllo militari.

- Per ragioni tecnico-operative l'itinerario potrà essere invertito o modificato dalla guida sul posto se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo

- Tranne al Cairo i pernottamenti sono in tenda di tipo igloo a due posti.

-  Trattasi di un viaggio spedizione ove il focus non è nell’ accommodation bensì nel voler essere in certi luoghi e nel voler vivere certe esperienze: le notti al campo sono in campi tendati mobili con tende igloo (richiesti il sacco a pelo e la partecipazione dei clienti nel montaggio e smontaggio delle tende) e materasso.

 

- Ogni sera viene montata una grande tenda ristorante sotto la quale vengono predisposti tavoli e sedie per la cena e la colazione del giorno seguente. Questo fa sì che anche durante le sere/mattine più fredde ci sia comunque un gradito riparo.

- Ogni sera al campo c’è la possibilità di ricaricare le batterie dei vari apparati fotografici, telefoni ecc.

- Durante la spedizione i pasti saranno freddi a mezzogiorno (a base di insalate di verdure fresche, formaggio e frutta) e cucinati al campo dal cuoco, il bravissimo Ramadan,  la sera (un primo, un secondo, frutta, caffé o té). Kel 12 prevede sempre un’integrazione viveri dall’Italia la cui gestione è affidata al tour leader.  A pranzo non vengono mai utilizzati tavoli e sedie.

- Per lavarsi durante la spedizione in deserto, sono previsti e messi a disposizione degli spruzzini, non ci sono catini.

- E’ prevista una passeggiata di circa 1 ora ogni mattina per dare la possibilità allo staff di raccogliere tutto il materiale da campo e riposizionarlo sopra/a bordo delle vetture. Vi è sempre la possibilità di attendere al campo e di raggiungere il gruppo a bordo delle vetture quando pronte.

- Importante: il bagaglio deve essere in borsoni/sacche morbide, non saranno accettate sopra/a bordo delle vetture valige rigide per nessun motivo.

L’accompagnatore               è a  disposizione per qualsiasi aiuto

 

Potrebbero interessarti

Egitto
IL DESERTO ORIENTALE, LA TERRA ROSSA DELLA VALLE DEL NILO
Egitto Emirati Arabi
Silver Spirit: da Civitavecchia a Dubai
Egitto
WEEK END A IL CAIRO
Egitto Grecia
Silver Muse: da Atene a Muscat

Articoli Correlati

Albania Balcani Grecia Italia Kosovo Macedonia
Fatti colossi per ritrovare se stessi
Seychelles
Le Seychelles sono più vicine
Danimarca Giappone India Italia Vietnam
In viaggio dentro al Circle