LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA
 

LA LEGGENDA DI MANCO CAPAC E INTI RAYMI

AMERICHE / Peru'

Viaggio nelle regioni del sud peruviano, un classico per chi vuole saperne di più sulla cultura Inca, edifici costruiti magistralmente nel pieno rispetto della “Madre Terra” senza rinunciare ai paesaggi suggestivi offerti dalla catena montuosa andina.

 

Un viaggio attraverso paesaggi indimenticabili ma soprattutto durante un periodo particolare: il solstizio d’inverno dell’emisfero australe.  In questa giornata da tempo immemore si celebra la “festa del sole” dedicata ad Inti, il Dio Sole. In una società basata sulla natura come quella Inca, il sole era forse l’elemento più importante della vita perché procurava calore e luce, non a caso nelle credenze popolari lo si raffigura sempre come il marito di Pachamama, la dea della Terra. Cogliamo quindi l’occasione per assistere al più sgargiante dei festival, in una cornice che da sola basta a togliere il fiato: le imponenti rovine di Sacsayhuaman.

 

 

Il deserto sulle sponde dell’Oceano Pacifico; le isole Ballestas, considerate da molti le Galapagos in miniatura per la loro fauna rara ed endemica; il mistero delle Linee di Nazca posizionate in una piana di deserto terroso circondata da imponenti rilievi andini.

Il Lago Titicaca, il lago navigabile più alto al mondo dov’è fiorita una cultura peculiare; la spettacolare Cordigliera delle Ande; Cuzco, città leggendaria; la Valle Sacra, l’Impero degli Incas, pietre e terrazzamenti…

Infine, maestoso e misterioso, il gioiello delle civiltà precolombiane, Machu Picchu.

Perù vuol dire natura e cultura, ma anche gente: ecco gli animati mercati andini affollati dagli indios nei variopinti costumi.

Perù è archeologia: la fortezza di Sacsaywaman, Ollantaytambo, le rovine di Pisac…

Un viaggio capace di farci apprezzare, del Perù, i luoghi principali e imperdibili, adatto in particolare a chi visita per la prima volta questo splendido e vasto paese.

 


Prezzo del Viaggio

A partire da: 4400 Euro

Questo viaggio prevede le riduzioni del Club, scopri con il tuo consulente quelle a te dedicate. Att.ne la riduzione è applicabile solo nei punti vendita e agenzie di viaggio che aderiscono al circuito Kel 12 Circle

Il Club

Questo viaggio dà diritto a 113 Impronte del Club.
Scopri tutti i vantaggi di Kel 12 Circle: il club dei viaggiatori.

Durata

15 giorni e di 13 notti.

Partecipanti

Partenza garantita con minimo 10 persone e il gruppo sarà composto al massimo di 14 persone.

Itinerario di viaggio

Tappa: 1 - Giorno: 1 - Arrivo a Lima la città di Francisco Pizarro  
Arrivo a Lima, incontro con il nostro assistente e trasferimento presso l’hotel prescelto. Sistemazione e pernottamento in hotel.

Tappa: 2 - Giorno: 2 - Lungo la Carretera Panamericana verso Paracas  
In mattinata incontro con la nostra guida per iniziare tour in centro città. Da Plaza Mayor, dove si fondò Lima. Visita al Palazzo Presidenziale, l'Arcivescovado e la Cattedrale di Lima. In seguito, la casa Aliaga, un'antica casa del vicereame consegnata da Francisco Pizarro a uno dei suoi capitani (Jerònimo de Aliaga), dopo la fondazione della città. Proseguimento, visita al Museo Larco, fondato da Rafael Larco Hoyle nel 1926 e si trova all'interno di una dimora del viceré costruita su una piramide precolombiana del secolo VII. Si può trovare la più completa collezione preispanica di reperti d'oro ed argento così come dell'oggettistica erotica. Al termine trasferimento per Paracas (Km 250, circa 3 ore 30 minuti effettive di viaggio), percorrendo la Panamericana Sud che costeggia la costa del Pacifico. Arrivo e sistemazione in albergo. Tempo a disposizione per relax o per l’escursione facoltativa nel deserto costiero della Riserva Naturale di Paracas. Pernottamento in Hotel.

Tappa: 3 - Giorno: 3 - Dalle splendide Isole Ballestas alle misteriose linee di Nasca  
Al mattino escursione collettiva in barca a motore alle Isole Ballestas, anche chiamate le “isole del guano”, considerate le Galapagos del Perù (durata circa 2 ore, dalle 08.00 alle 10.00, la navigazione alle Isole Ballestas è subordinata alle condizioni climatiche). Al termine partenza con mezzo privato per Nasca Km 200 circa 3 ore effettive di viaggio. Arrivo e visita del Museo Antonini. Sistemazione in albergo. Pernottamento.Nota operativa: L’escursione è effettuata con lancia a motore condivisa con altri passeggeri internazionali. I nostri partecipanti disporranno però della propria guida privata in italiano.

Tappa: 4 - Giorno: 4 - Lasciamo la Panamericana e la costa per salire sull'altipiano andino e raggiungere Arequipa  
Al mattino tempo a disposizione per il sorvolo facoltativo delle Linee di Nasca. Partenza con mezzo privato per Arequipa proseguendo verso sud fino a Camanà e dirigendosi verso l’interno fino a raggiungere la seconda città più popolosa del Perù (Km 600, circa 10 ore effettive di viaggio). Arrivo in tarda serata, sistemazione in Hotel. Pernottamento. Facoltativo : Sorvolo sulle Linee di Nasca (circa 35 minuti di volo, per ragioni legate al clima, i voli possono essere ritardati o cancellati) Servizio condiviso con guida pilota parlante spagnolo/inglese costo circa 90/100 usd per persona da pagarsi esclusivamente in loco.

Tappa: 5 - Giorno: 5 - Arequipa, la "città bianca"  
In mattinata, tour di mezza giornata visita della deliziosa “Città Bianca”, inclusi il Convento di Santa Catalina, la Plaza de Armas, il Chiostro della Compañìa. A seguire, presso le zone di Yanahuara e Chilina, è possibile godere del panorama offerto dal Vulcano Misti. Pomeriggio libero. Sistemazione in albergo. Pernottamento.

Tappa: 6 - Giorno: 6 - Il viaggio prosegue tra splendidi paesaggi andini verso Puno  
Di buon mattino, trasferimento a Puno in trasporto privato. La strada si inoltra attraverso lo spettacolare altopiano andino, ricco di lagune, abitate da una notevole varietà di volatili. Durante il tragitto visita della necropoli pre-incaica di Sillustani ed al vicino, splendido lago Umayo, posto a 4000 msln. Arrivo e sistemazione in albergo. Pernottamento

Tappa: 7 - Giorno: 7 - le isole fluttuanti degli Uros, l'Isola di Taquile e infine la tranquillità dell'isola di Suasi in mezzo all'immenso blu cobalto del Lago Titicaca  
Partenza in battelo per l'escursione sul lago Titicaca, lo specchio d'acqua navigabile più alto del mondo, e alla visita delle isole galleggianti degli indiani Uros. Breve sosta all'isola Taquile, quindi proseguimento per l'isola di Suasi. Sistemazione in albergo e pranzo. Pomeriggio dedicato alle passeggiate ed al relax sull'isola. Possibilità di escursioni in kayak lungo il lago. Cena in hotel.Nb: il programma dell'escursione all'isola di Suasi è curato dall'hotel di Suasi ed è su base collettiva, con guida in lingua inglese/spagnola

Tappa: 8 - Giorno: 8 - Navigazione sul Lago Titicaca e rientro a Puno  
Mattinata a disposizione per godersi l'incanto del lago. Verso mezzogiorno, rientro in battelo a Puno. Pranzo al sacco. Sistemazione in albergo. Pomeriggio a disposizione per passeggiate lungo le rive del lago. Cena libera e pernottamento.

Tappa: 9 - Giorno: 9 - Verso Cuzco con soste a Pucarà, al Tempio di Raqchi e alla chiesa di Andahuaylillas  
In mattinata partenza con mezzo privato in direzione per Cusco (Km 380, circa 8 ore effettive di viaggio) nel paesaggio dell’arido altipiano andino. Durante il percorso se effettuerà delle fermate per la visita di Pucara; Raqchi dove sarà possibile ammirare antiche rovine Huari e il bel tempio di Huiracocha e l’ultima fermata ad Andahuaylillas, dove si trova l’impressionante cappella conosciuta come “la piccola sistina”. Il punto più elevato che si attraversa è La Raya (4000 m) che segna il limite tra la zona andina e quella dell'altopiano. Pranzo in ristorante locale durante il tragitto. Arrivo e sistemazione ad Urubamba. Pernottamento.

Tappa: 10 - Giorno: 10 - La Valle Sacra degli Incas con Chinchero, Moray e le saline di Maras  
Intera giornata dedicata all'escursione in alcuni villaggi andini nella valle di Cusco: Chinchero, Moray e le saline di Maras, con le loro rovine incaiche. Sistemazione in albergo. Pranzo in corso di escursione. Pernottamento

Tappa: 11 - Giorno: 11 - La Valle Sacra degli Incas con Pisac e Ollantaytambo. Arrivo a Aguas Calientes  
Partenza in pullman attraverso i magici paesaggi della Valle Sacra degli Inca, diretti alla cittadina di Ollantaytambo. Durante il tragitto si visiterà il coloratissimo mercato artigianale di Pisac dove sarà possibile fare degli ottimi acquisti. Continuazione per il villaggio di Ollantaytambo, tipico esempio della pianificazione urbana degli inca, ancora abitato come in passato. ‘E un grande sito archeologico che, benché sia denominato "fortezza", fu un "tambo", città di ristoro e alloggio per comitive che intraprendevano lunghi viaggi. Pranzo in ristorante. Al termine delle visite, partenza in treno turistico per Aguascalientes . Sistemazione in albergo. Pernottamento.Attenzione: per questa escursione si deve portare solo il bagaglio a mano con quel che ritenete necessario per una notte (Max. 5/8 kg per persona). Il bagaglio principale potrete lasciarlo in deposito in hotel a Cusco o Urubamba.

Tappa: 12 - Giorno: 12 - Machu Picchu, "La città perduta degli Incas"  
In mattinata partenza in direzione del Machu Picchu a bordo dei bus che collegano Aguas Calientes all’ingresso del sito archeologico. Visita guidata della cittadella attraverso la Piazza principale, gli appartamenti Reali, il Tempio delle Tre Finestre, la Torre Circolare, il Sacro Orologio Solare ed il cimitero. Rientro ad Aguas Calientes e pranzo. Nel pomeriggio rientro in treno a Cusco. Arrivo e trasferimento in hotel. Pernottamento

Tappa: 13 - Giorno: 13 - Cuzco, "L'ombelico del mondo", festa dell'Inti Raymi  
Oggi, giornata molto intensa, è il momento in cui si svolge “l’Inti Raymi”, celebrata in occasione del solstizio d’inverno dell’emisfero australe. E’ certamente uno dei più coinvolgenti, coloratissimi e partecipati eventi popolari sudamericani. Escursione collettiva con guida parlante spagnolo e inglese a Sacsayhuaman, il luogo dove avviene la cerimonia. Il pranzo sarà al sacco durante la giornata. Al termine, rientro in hotel e pernottamento.Inti RaymiIl popolo degli Incas venerava il dio Sole come massima espressione della forza celeste che aveva in mano il destino dell’uomo oltre che dell’intero universo. Da sempre il genere umano ha individuato nel sole una “potenza” cui rapportarsi per chiedere il suo intervento nel favorire l’agricoltura, fornire luce e calore. Egizi e Maya, tra gli altri, seppur in epoche, con nomi e modalità diverse, erano tra coloro che identificavano nell’astro più vicino alla terra l’essere supremo da adorare a e a cui rivolgere sacrifici. Nel caso specifico degli Incas, la ricorrenza particolare veniva celebrata in coincidenza col solstizio d’inverno dell’emisfero sud, giorno in cui il sole è alla massima distanza dal nostro pianeta.Gli Incas, astronomi e adoratori del Sole, con i riti del 24 giugno ne propiziavano il riavvicinamento alla terra. Il problema assai sentito dal popolo andino era proprio legato al momento in cui il Sole era più lontano dalla terra. Avevano il sacro terrore che potesse continuare ad allontanarsi dal nostro pianeta sino ad abbandonare definitivamente il pianeta e i suoi figli lasciandoli senza calore, luce e soli. La festa dell’Inti Raymi aveva quindi il compito di agevolare il riaccostamento del sole per continuare a poter ricevere i suoi effetti benefici indispensabili alla vita dell’uomo. Questa celebrazione, proibita durante l’occupazione spagnola perché ritenuta sacrilega in quanto non cattolica, assume tuttora significati di ritorno ai tradizionali valori religiosi popolari e di simbolica indipendenza dagli antichi dominatori spagnoli. Per questo, ancora oggi, migliaia di indigeni provenienti dai quattro “Suyos”, le quattro direzioni, si danno appuntamento qui. Poncho antichi e coloratissimi, riti a noi non familiari e perciò molto interessanti, sacrifici, preghiere, simbolismi, danze, azioni sceniche ironiche, intreccio di lingue a volte assolutamente incomprensibili come il “quechua” …Provengono da ogni parte del Perù, si concentrano nella zona della fortezza di Sacsayhuaman nelle vicinanze di Cuzco, per rinnovare ogni anno il loro legame col Sole e riaffermare la fierezza della loro autonomia culturale. Durante i festeggiamenti, i locali ballano e cantano abbigliati con i costumi tipici tradizionali che rappresentano le diverse corporazioni delle città e tribù dell’Impero Inca. In questa occasione rievocano simbolicamente l’antico rito in cui avvenivano sacrifici di animali, gestualità satiriche, danze… il tutto con modalità espressive a noi certo estranee ma non per questo meno coinvolgenti.La festa, ovviamente, ha sostituito la propria intrinseca sostanza puramente sacra anticamente attribuita dagli adoratori del dio sole. La presenza sempre più consistente del turismo non ha però stravolto il significato storico e religioso. Non è più un’incontaminata “celebrazione”, ma resta in ogni caso una manifestazione di non banale folclore locale. Insomma, pur non avendo più l’originario carattere di genuino rito spirituale (del resto in quel caso non sarebbe stata certo consentita tale presenza di estranei), continua ad essere un’opportunità di incontro per genti provenienti da molti angoli del Paese, e una possibilità di conoscenza di un'importante tradizione popolare per noi occidentali. Anche il luogo storico in cui affluiscono migliaia di indigeni e stranieri, contribuisce a rendere lo spettacolo un “evento”. Proprio di questo si tratta, una ricorrenza che ancora oggi riesce ad essere “evento”, anche perché ha come sfondo uno scenario poderoso. Massi imponenti restano a testimoniare un antico sito che originariamente era una fortificazione con una funzione militare e religiosa. Ciò che rimane, anche se fa comprendere quanto dovesse essere notevole la mole delle strutture, è solo meno di un quinto dell’iniziale manufatto costituito da macigni che pesano anche 300 tonnellate l’uno. Molto di questo materiale è stato nel tempo usato per realizzare edifici nel centro di Cuzco.Nella grande radura pianeggiante adiacente la fortezza si svolge il culmine della rievocazione della Festa del Sole. Ma gli abitanti di Cuzco riempiono anche molte strade della città. Già dalla prima parte della mattinata, in genere nei paraggi della cattedrale, inizia la festa, che di fatto è il proseguimento di quella della sera precedente, e vede coinvolte molte persone abbigliate con vestiti tradizionali. Al termine di questa fase ci si reca nei pressi della fortezza di Sacsayhuaman per assistere, da una postazione appositamente realizzata, alle rappresentazioni che rievocano l’antico rituale.

Tappa: 14 - Giorno: 14 - Rientro a Lima e partenza per l'Italia  
Colazione e in mattinata trasferimento in aeroporto e volo per Lima. Arrivo e coincidenza con il volo per l’Italia.

Tappa: 15 - Giorno: 15 - Arrivo in Italia  
In mattinata arrivo in Europa e coincidenza per Milano.

PARTENZE


12/06/2018 - Sarai accompagnato da:   PAOLO GHIRELLI  

Prezzo del viaggio 5.139 Euro TUTTO INCLUSO

Iscrivendosi al club avrai molti vantaggi, tra cui riduzioni di prezzo variabili.
Il prezzo del viaggio per utenti che appartengono al:
LIVELLO 1: 5.139 Euro
LIVELLO 2: 5.051 Euro
LIVELLO 3: 4.963 Euro
LIVELLO 4: 4.875 Euro
LIVELLO 5: 4.787 Euro



Gallery


Richiedi un preventivo

Email*:  
Data Partenza:
Data Ritorno:
Numero Adulti:
Numero Bambini:
Aeroporto di Partenza:
Vuoi volare in business:
Budget:
Tipo Sistemazione:
Lingua Guida:
 
L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei conforni di Kel 12 Travel S.p.A. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 Travel S.p.A. nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le regole di tutela della privacy proposte da Kel 12 Travel S.p.A.

 

 

Servizi inclusi nelle quote viaggio

Questi prezzi sono ancorati al rapporto di cambio (1 euro = 1,15 USD) e possono essere soggetti ad adeguamento valutario (valgono le condizioni di vendita da catalogo).

La percentuale pagata in valuta estera è pari al 100% della quota base del viaggio.

 

LE QUOTE INCLUDONO

 

  • Volo di linea da Milano
  • Tutti i trasferimenti all’arrivo e partenza da ogni località, assistiti da personale esperto parlante italiano
  • Escursioni e trasporto come indicato nel programma prescelto con servizi privati tranne Suasi su base condivisa con guida bilingue spagnolo/inglese.
  • Assistenza di guide locali parlante italiano in tutte le località tranne Suasi
  • Escursioni in battello sono condivise: Ballestas  e Lago Titicaca (Suasi).
  • Pernottamento negli hotel 4 e 5 stelle segnalati o in Hotel similari
  • Biglietto turistico di Cusco
  • Treno turistico  per Machu Picchu (andata /ritorno)
  • Volo interno in classe turistica da Cusco a Lima 
  • Tutte le entrate per lo svolgimento delle escursioni menzionate
  • Ingresso alla cerimonia dell’Inti Raymi e pranzo al sacco (intera giornata del 24 giugno)
  • Pasti come da programma
  • Tour Leader Esperto Kel 12 dall’Italia al raggiungimento del numero minimo di partecipanti richiesto.

 

 

LE QUOTE NON INCLUDONO

 

  • Tasse aeroportuali e supplementi sicurezza e carburante
  • Tassa d’imbarco Paracas (circa USD 6 per persona. Si paga direttamente in loco prima dell’imbarco)
  • Eventuali early chek-in a Lima
  • Sorvolo sulle Linee di Nasca da pagarsi in loco e soggetto alle condizioni metereologiche (c.a 90 usd).
  • Tutti i pasti, le bevande, le mance, gli extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente elencato alla voce “la quota comprende”

 

Bene a sapersi

E’ necessario rispettare la regolamentazione relativa agli imbarchi e trasferimenti a bordo del treno per la tratta Ollantaytambo-Machu Picchu – Cusco, che prevedono dei limiti sulla dimensione massima dei bagagli consentiti a bordo. Obbligatorio portare con sé il passaporto, perché verrà controllato.

Ogni passeggero può portare:

 

1 borsa o zaino

05kg/11lb

62 pollice lineare /157cm (altezza + lunghezza + larghezza)

image003

 

 

La cattedrale di Lima chiude alle visite turistiche il sabato pomeriggio e le domenica mattina

 

L’ordine delle visite può variare a discrezione della guida locale

 

 

Potrebbero interessarti

Peru'
LA LEGGENDA DI MANCO CAPAC
Peru'
PRECOLOMBIANO
Peru'
PRECOLOMBIANO E INTI RAYMI
Colombia Ecuador Panama Peru'
Silver Explorer: Mondi antichi e meraviglie naturali

Articoli Correlati

Australia
Il primo hotel astrologico al mondo
Danimarca Giappone India Italia Vietnam
In viaggio dentro al Circle
Argentina Brasile
200 volte Argentina