LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA
 

LA RUTA DE HUMBOLDT: L’INCONTRO CON GLI ULTIMI YANOMAMI


Prezzo del Viaggio

A partire da: 6680 Euro

Questo viaggio prevede le riduzioni del Club, scopri con il tuo consulente quelle a te dedicate. Att.ne la riduzione è applicabile solo nei punti vendita e agenzie di viaggio che aderiscono al circuito Kel 12 Circle

Il Club

Questo viaggio dà diritto a 230 Impronte del Club.
Scopri tutti i vantaggi di Kel 12 Circle: il club dei viaggiatori.

Durata

14 giorni e di 13 notti.

Partecipanti

Partenza garantita con minimo 6 persone e il gruppo sarà composto al massimo di 15 persone.

Itinerario di viaggio

Tappa: 1 - Giorno: 1 - Italia - Caracas  
Partenza dall’Italia con volo di linea per Caracas, via scalo europeo. All’arrivo incontro con il nostro rappresentante in loco e trasferimento in hotel. Cena e pernottamento al Marriott Playa Grande *****.

Tappa: 2 - Giorno: 2 - Trasferimento in volo: Caracas - P.to Ayacucho  
Prima colazione e trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul volo interno delle 10.20 di linea che ci porterà a P.to Ayacucho (1 ora circa di volo). Puerto Ayacucho, fondata nel 1924 da un ingegnere, Santiago Aguerrevere, è l'unica città e capitale dello stato "Amazonas". All’arrivo breve visita di Puerto Ayacucho con il mercato indigeno e trasferimento in auto all’Orinoquia Lodge, in piena foresta amazzonica. Nota: tempo permettendo potremo uscire nuovamente per acquistare le ultime cose necessarie alla spedizione o per fare due passi verso la “Pietra di Tartaruga” o verso la comunità Piaroa dove si trovano i petroglifi del pintao.Pernottamento. Pensione completa. HYPERLINK "http://orinoquia-lodge.com.ve/" http://orinoquia-lodge.com.ve/

Tappa: 3 - Giorno: 3 - P.to Ayacucho - La Esmeralda, l'Amazzonia dall'alto a bordo di un Cessna 206, inizio della navigazione sull'Orinoco  
Un piccolo aereo Cessna 206 ci porterà dopo circa due ore di volo a “La Esmeralda”, dove Humboldt arrivò sfinito durante la sua esplorazione amazzonica dell’aprile del 1800. Esmeralda oggi ha un’aria remota e splendida. All’orizzonte si staglia il Duida, monte sacro agli Yekuana, quasi inesplorato. È, come altri rilievi della regione, un tepui: un antichissimo tavoliere di arenaria. Ai tempi di Humboldt, Esmeralda era l’ultimo punto cui uno straniero poteva facilmente arrivare, risalendo l’Orinoco. Oggi, non si può passare senza un permesso speciale. Più di duecento anni fa, Humboldt non poté passare per paura delle frecce al curaro dei piccoli guerrieri dalla pelle chiara, all’epoca leggendari e quasi sconosciuti, che gli altri indios chiamavano Waika. Sono gli Yanomami, il cui territorio comincia qui e arriva sino in Brasile. Avremo l’occasione di conoscerli presto, navigando sul Casiquiare con l’imbarcazione tipica indigena chiamata Bongo. Inizio del percorso fluviale, navigando per circa due ore sull’Orinoco, sino ad arrivare a caño Tamatama dove incontreremo una comunità indigena Piaroa. I Piaroa basano il loro sostentamento sulla coltivazione a rotazione, la caccia, la pesca e la raccolta di piante selvatiche e micro fauna, come ragni, bruchi, vermi, bachacos, termiti, cicale e larve. Le donne si occupano della produzione cesti, piccole ceramiche, tessuti, collane, zucche scavate e decorate che scambiano e vendono nei mercati. I Piaroa, come altre tribù stanziali meno isolate e quindi più facilmente raggiungibili, poco hanno mantenuto della loro cultura primordiale. Il loro vestire “nudo”, come per gli Yanomami del Brazo Casiquiare, è stato sostituito negli anni da indumenti che in breve tempo diventano stracci sporchi e maleodoranti. La cultura, gli usi e le tradizioni indigene vanno scomparendo per effetto della contaminazione con il mondo moderno. Gli anziani sono coloro che più di tutti cercano di mantenere intatti gli elementi della loro cultura materiale, indossando perizomi in cotone bianco, producono cerbottane e frecce che poi verranno intinte nel curaro (“woorali” per gli indios, il potente veleno ricavato dalla “abuta” che paralizza la preda in pochi secondi anche se ferita lievemente), costruiscono le tipiche “dugout” canoe scavate da un tronco e pagaie. I Piraoa, al contrario degli Yanomami sono abili nella navigazione fluviale. Posa del campo, pensione completa, (il pernottamento sarà su amache in capanne o tenda)

Tappa: 4 - Dal Giorno: 4 al Giorno 5 - Orinoco, navigazione sul Brazo Casiquiare, i dipinti a Capibara  
Dopo la prima colazione continueremo la navigazione sino alla biforcazione naturale dove l’Orinoco che va a nord conserva il suo nome e mentre quello che va a sud prende il nome di “Brazo Casiquiare”. Proseguiamo lungo il Brazo Casiquiare attraverso un territorio primitivo e abbastanza difficoltoso, lungo i suoi 350 chilometri sino a San Carlos troveremo in alcuni punti isolette e rocce a pelo d’acqua, tutt’intorno una selva rigogliosa e qua e là i villaggi degli indios Curripacos, degli indios Yeral e dei famosi indios Yanomami. Qui l’Amazzonia è ancor più rigogliosa e primitiva che altrove, particolarmente numerose sono le varietà delle orchidee e delle piante carnivore, la foresta fluviale è più fitta rispetto alle altre Amazzonie.Saremo nel pomeriggio alla Laguna Pamoni. La giornata successiva la navigheremo ancora alla volta di “Capibara”, dove sarà possibile la pesca del “Piraña” da poter gustare per cena, intorno ad un falò sulla riva del “Casiquiare”.Scenderemo a terra per andare a visitare una zona di dipinti rupestri e petroglifi.

Tappa: 5 - Dal Giorno: 6 al Giorno 7 - La Laguna Pasiba, il cano e la comunità Curri Pacade Canan de Pasiba  
Continuiamo lungo il Brazo Casiquiare. Questo canale naturale presenta paesaggi interessanti e particolarmente belli. Siamo nella Riserva Unesco per la conservazione della Biosfera, ritenuta la più grande del mondo. Il Brazo Casiquiare è un fenomeno idrologico molto particolare, unisce due fiumi che scorrono in senso inverso. Questi sono considerati due dei bacini idrografici più grandi del continente sudamericano: Orinoco e Amazonas. Dopo la sosta nella zona del “Brazo Casiquiare” e dintorni, arriveremo alla Laguna del Fiume Pasiba, la più grande della regione. E’ un mondo d’acqua, di selva, di paludi, di foreste, di luci e ombre, di popoli dimenticati e sconosciuti, di animali e di insetti di tutti i tipi.Qui nel Brazo Casiquiare incontreremo la comunità indigena Curripaca. La religione evangelica ha avuto una forte influenza nella comunità Curripaca; tuttavia, conservano la loro visione del mondo in tradizionale. La loro lingua appartiene alla famiglia linguistica Arawak, la maggior parte della popolazione parla in lingua kurripaco. I Curripaca vivono di pesca e caccia, coltivano terre con manioca, pepe, patate, canna da zucchero e banane. Giornata tra fiume e terra. Pernottamento sulle rive della Laguna di Pasiba e alla comunità Curri Paca de Canan de Pasiba.

Tappa: 6 - Giorno: 8 - La discesa del Fiume Siapa fino ad incontrare il Brazo Casiquiare, gli indigeni Yanomami  
Inizieremo la discesa del caño Pasiba, fino ad incontrare il Brazo Casiquiare per poi pernottare in una comunità indigena Yanomami di Merey dove faremo una riunione di “ chamanes e yopo “ per condividere parte della loro cultura. Gli “Yanomami” usano il fiume per entrare in contatto con altre popolazioni. La grande maggioranza degli Yanomami, una delle nazioni indigene più grandi d’Amazzonia, vive ancora, come secoli fa, nelle foreste più remote a cavallo fra il Brasile e il Venezuela, con scarsi contatti col mondo dei bianchi. I pochi Yanomami che sono scesi sul Casiquiare viaggiano abbastanza spesso alle città dei napëpë (letteralmente “i nemici, gli estranei”: cioè i bianchi e i criollos). Conoscono, e usano, vestiti, scarpe, fucili, motori, machete. Ma usano anche gli archi, le frecce al curaro, le pitture corporali, gli orecchini e i bracciali tradizionali. Usano ancora le capanne di un tempo o, specialmente al sud, lo shapono: una unica, gigantesca, straordinaria casa-villaggio comune, di forma ovale. Vivono immersi in un mondo abitato dagli xapiripë, gli spiriti della foresta. Pernottamento nel villaggio per condividere parte della loro cultura, conoscere i loro usi e costumi, respirare la vita al villaggio come dei veri pionieri. La nottata sulle amache non sarà certo confortevole, anzi.

Tappa: 7 - Giorno: 9 - La Piedra de Kurimakare, l'incontro dei Fiumi Casiquiare e Guainia -San Carlos del Rio Negro  
Dopo la consegna dei regali alla comunità Yanomami continueremo la navigazione verso il Monumento Naturale “Piedra de Kurimacare” dove sarà possibile vedere l’unione dei fiumi Casiquiare e Guainia, i quali a loro volta formano il Rio Negro. Pernottamento nel villaggio della comunità indígena Curri Paca di Curimakare.

Tappa: 8 - Dal Giorno: 10 al Giorno 11 - Amazzonia, verso San Carlos del Rio Negro, la Tripla frontiera fluviale  
Giornate di navigazione sul Rio Negro in direzione del villaggio multietnico di San Carlos del Rio Negro. Abbiamo navigato sulla mitica Humboldt Road che ripercorre il tragitto del celebre esploratore, le difficolta incontrate non potranno mai essere al pari di quella prima spedizione del 1800. All’arrivo a San Carlos passeggiata nel paese e pernottamento

Tappa: 9 - Giorno: 12 - San Carlos del Rio Negro - P.to Ayacucho, sorvolo dell'Amazzonia a bordo di un Cessna 206  
Dopo la prima colazione sorvoleremo nuovamente l’Amazzonia sino ad atterrare a P.to Ayacucho. Trasferimento in auto all’Orinoquia Lodge. Cena e pernottamento.

Tappa: 10 - Giorno: 13 - Trasferimento con volo charter privato da P.to Ayacucho a Caracas  
Prima colazione. Trasferimento all'aeroporto di Puerto Ayacucho dove troveremo ad attenderci il volo charter King 100 che ci condurrà all’aeroporto di Charallave (a 3 ore circa dall’aeroporto internazionale di Caracas). Partenza con volo di linea per l’Italia, via scalo internazionale, nel tardo pomeriggio. Arrivo in Italia il giorno seguente.

Tappa: 11 - Giorno: 14 - Italia  
All’arrivo a Parigi proseguimento con volo di rientro a Milano Linate. 1. Indigeno Yanomami 2. La rana D. azureus 3. Piedra de Kurimacare 4. Donna Yanomami 5. Orinoco


Gallery


Richiedi un preventivo

Email*:  
Data Partenza:
Data Ritorno:
Numero Adulti:
Numero Bambini:
Aeroporto di Partenza:
Vuoi volare in business:
Budget:
Tipo Sistemazione:
Lingua Guida:
 
L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei conforni di Kel 12 Travel S.p.A. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 Travel S.p.A. nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le regole di tutela della privacy proposte da Kel 12 Travel S.p.A.

 

 

Servizi inclusi nelle quote viaggio

Questi prezzi sono ancorati al rapporto di cambio (1 euro = 1,15 USD) e possono essere soggetti ad adeguamento valutario (valgono le condizioni di vendita da catalogo).

La percentuale delle quota pagate in valuta estera è del 55% del prezzo del viaggio.

 

 

LA QUOTA comprende:

 

        Volo di linea dall’Italia per Caracas a/r in classe economica

        Volo Caracas – Pto. Ayacucho (1h45 / ATR-42)

        I Voli Pto. Ayacucho- Esmeralda e San Carlos di Rio Negro- Pto. Ayacucho con “Cessna 206” a 8 posti

        Il volo Pto. Ayacucho-Charallave è operato con un charter privato King 100 a 8 posti

        Pernottamento in hotel 5* a Caracas, 1 notte

        Pernottamento all’Orinoquia lodge a Pto. Ayacucho 2 notti

        Pernottamento (9 notti) in accampamento/ villaggi, su amache con zanzariere o tenda.

        Tutti i pasti e le bevande non alcoliche

        Permessi di navigazione

        Provvigioni di combustibile per la navigazione

        Personale per la navigazione (marinai e motoristi)

        Camminate, trekking ed escursioni nella foresta amazzonica

        Imbarcazione tipica Bongo e canoe/lance per le escursioni che la prevedono in corso di spedizione

        Guida bilingue durante la navigazione spagnolo e inglese – guida per le visite spagnolo e italiano

        Esperto kel 12

 

 

LA QUOTA NON COMPRENDE:

        Le tasse aeroportuali e fuel surcharge

        Eventuali tasse aeroportuali di uscita dal Venezuela

        Bevande alcoliche

        Le spese di carattere personale, extra e mance

 

 

Bene a sapersi

 

  • E’ obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla per la zona amazzonica
  • Il volo da Caracas a Pto. Ayacucho è un volo interno di linea.
  • I Voli Pto. Ayacucho- Esmeralda e San Carlos di Rio Negro- Pto. Ayacucho sono operati con “Cessna 206” a 8 posti; in base al numero dei partecipanti saranno disposti 1 o 2 velivoli.
  • Il volo Pto. Ayacucho-Charallave è operato con un charter privato King 100 a 8 posti; in base al numero dei partecipanti saranno disposti 1 o 2 velivoli.
  • La navigazione avverrà su tipica imbarcazione di ferro “Bongo” con motore fuoribordo, con sedute. A bordo dell’imbarcazione non esiste il bagno.
  • Le esplorazioni giornaliere all’interno dei canali minori saranno effettuate con piccole imbarcazioni lancia o canoe
  • I pernottamenti in Amazzonia saranno su amache con zanzariera posizionate nei villaggi indigeni o in tenda a bordo fiume (è necessario portare un sacco lenzuolo o un sacco a pelo leggero per i pernottamenti)
  • Lo staff locale di supporto alla spedizione provvederà al campo e alla preparazione dei pasti. Prevediamo 3 pasti al giorno, spuntini e merende. L’acqua e le bevande non alcooliche sono sempre previste.
  • Per la spedizione, è necessario ottenere i permessi d’entrata che vengono rilasciati in circa 45 giorni. Servono permessi non solo per i visitatori ma anche per i mezzi aerei e fluviali. 
  • Per l’Amazzonia: è consigliato un abbigliamento in cotone pantaloni lunghi, camicie manica lunga, repellenti per zanzare, braccialetto antizanzare (da indossare al polso o alla caviglia) scarpe sportive chiuse, costume da bagno, protezione solare, impermeabile, felpa, torcia, piccolo zaino. Consigliamo di iniziare un trattamento alla vitamina B (B1 e B6), particolarmente utile per allontanare le zanzare, almeno 7/10 giorni prima della partenza.
  • E’ bene indossare abiti di colore chiaro (i colori scuri ed accesi attirano gli insetti), che coprano la maggior parte del corpo; evitare l'uso di profumi (attirano gli insetti)
  • Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi dalla data di arrivo nel Paese. Visto d’ingresso: non necessario per motivi turistici per un periodo massimo di 90 giorni di permanenza nel Paese.
  • Trattasi di una vera spedizione dove il comfort è ridotto al minimo e dove è richiesta una buona dose di spirito di adattamento. Una volta iniziata la spedizione fluviale non si può tornare indietro, la meta è San Carlos del Rio Negro!

 

 

1

 

Potrebbero interessarti

Venezuela
LA RUTA DE HUMBOLDT: L'INCONTRO CON GLI ULTIMI YANOMAMI
Venezuela
LA RUTA DE HUMBOLDT: L'INCONTRO CON GLI ULTIMI YANOMAMI

Articoli Correlati

Argentina Brasile
200 volte Argentina
Danimarca Giappone India Italia Vietnam
In viaggio dentro al Circle
Argentina Brasile
200 volte Argentina
Australia
Il primo hotel astrologico al mondo