LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA
 

Silver Discoverer: Giappone, la Terra del Sol Levante

ASIA / Giappone

Terza arrivata nella categoria Expeditions, Silver Discoverer fa rotta su terre inesplorate e vergini del vasto Pacifico, attraverso isole coralline e villaggi tribali, verso foreste pluviali il cui fragile ecosistema non sembra conoscere la corruzione del tempo.
Silver Discoverer offre suite tutte provviste di vista oceano e spaziosi ponti, in maniera che una balena o un branco di delfini siano sempre ben visibili.
La poca profondità del suo scafo le permette di avvicinarsi di più a riva, e dove non arriva provvede la flotta di 12 gommoni Zodiac a portare gli ospiti a terra. In questo modo i viaggiatori possono esplorare spiagge isolate e ecosistemi sommersi da vicino ed approfonditamente, anche grazie alle visite guidate sul posto e alle conferenze tenute a bordo dai nostri esperti altamente qualificati.
Sono presenti sulla nave una sala fitness, un salone di bellezza, una piscina e due ristoranti, per non venir meno al tipico comfort Silversea.

 


Prezzo del Viaggio

A partire da: 10300 Euro

Per questo viaggio non sono previste riduzioni.

Il Club

Questo viaggio dà diritto a Impronte del Club.
Scopri tutti i vantaggi di Kel 12 Circle: il club dei viaggiatori.

Durata

12 giorni e di 11 notti.

Partecipanti

Partenza garantita con minimo 2 persone e il gruppo sarà composto al massimo di 16 persone.

Itinerario di viaggio

Tappa: 1 - Giorno: 1 - Imbarco sulla Silver Discoverer a Nagasaki  
Imbarco sulla Silver Discoverer e partenza per la spedizione. A bordo si terranno un breve briefing di sicurezza e la presentazione dei membri del Team Expedition. Se il clima lo permette ci sarà un cocktail di benvenuto sui ponti. Cena e pernottamento a bordo.

Tappa: 2 - Giorno: 2 - Jeju  
Al largo della costa meridionale della Corea, le attrazioni naturali, geologiche e culturali di Jeju sono ben note in Giappone e Corea. Il vulcano dormiente di Hallasan si erge per 1,950 metri sopra il livello del mare ed è una Riserva della Biosfera UNESCO che contiene un lago cratere, piante alpine, picchi e farfalle. Un altro sito UNESCO è la misteriosa caverna di Manjang, lunga oltre otto chilometri di cui uno percorribile. Le strade e i percorsi costali collegano gran parte di questa rigogliosa isola, e percorrendoli si possono raggiungere le insolite formazioni rocciose che costeggiano il mare e le caverne che gli isolani sono stati costretti a scavare dagli invasori Giapponesi per nascondere le armi. Muri a secco proteggono i campi dalle tempeste. Intorno al 1750, i muratori hanno iniziato a scolpire le rocce in maniera da conferirgli un aspetto spaventoso, sono i cosiddetti Dol hareubangs, e, oltre ad avere funzione apotropaica, erano pensati per spaventare gli invasori. Le pietre restano ancora oggi come simbolo di un’antica cultura ricca di dei e leggende. Quando arriveremo, vero fine marzo, dovrebbero essere fiorite le colze gialle, ma potrebbe essere troppo presto per i fiori di ciliegio.

Tappa: 3 - Giorno: 3 - Busan  
Oggi visiteremo Gyeongju, un’ora e mezza a nord di Busan. La moderna città di Gyeongju è spesso chiamata “ un museo senza pareti”, e il suo centro storico è un sito UNESCO. E’ qui che la parte meridionale della Corea fu unificata per la prima volta sotto il regno di Silla e sono visibili ancora oggi molti reperti archeologici. La prima tappa è il tempio Bulguksa, considerato un capolavoro dell’arte buddista dell’Estremo Oriente e inserito nella lista dei Siti Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Il complesso di tempi è sia uno strabiliante esempio di architettura regionale, sia l’espressione materiale della fede Buddista.Dopo aver pranzato presso un hotel locale, l’itinerario prosegue verso Daeneungwon, un parco di tombe a tumulo del periodo sillano. La maggior parte delle tombe sono ricoperte d’erba, dando l’apparenza di essere una catena montuosa in miniatura. A seconda della stagione, le colline acquisiscono sfumature di diversi colori. Uno dei tumuli è visitabile e presenta il dipinto di un cavallo paradisiaco, rinvenuto durante gli scavi. La tappa finale sarà al Gyeongju Traditional Cultural Institute, per essere testimoni delle trazioni culturali locali.

Tappa: 4 - Giorno: 4 - Moji  
Da Moji ci dirigeremo verso Kokura, la capitale finanziaria dell’area. Il tratto distintivo di Kokura è il suo castello, meravigliosamente restaurato, con un grazioso giardino adiacente. Dopo aver pranzato a un ristorante locale, faremo tappa all’Hiraodai Limestone Plateau, l’altopiano carsico più rappresentativo del Giappone. Questo tesoro della natura ha pure delle caverne sotterranee. Esploreremo la caverna di Hiraodai Senbutsu insieme a guide locali. Per raggiungerne le parti più profonde, occorre camminare nel ruscello che percorre la caverna.

Tappa: 5 - Giorno: 5 - Miyajima e Hiroshima  
La mattina, tour della piccola isola di Miyajima, “l’isola altare”, per vedere una delle tre vedute più belle del Giappone: il Torii galleggiante. Costruito nell’acqua, il portale porta all’altare di Itsukushima e con l’alta marea sembra che galleggi. Per raggiungere l’altare si deve percorrere circa un chilometro. Oltre a esserci numerosi altri altari a Miyajima, al monte Misen un treno porta quasi alla vetta della montagna mentre scimmie e cervi selvatici attraversano le rotaie.Nel pomeriggio, visiteremo Hiroshima, un nome inevitabilmente collegato allo sgancio della bomba atomica e alla fine della Seconda Guerra Mondiale. L’Hiroshima Peace Memorial Park, nel centro della città, è stato il Ground Zero della bomba atomica del 6 agosto 1945. Il parco è dedicato alle vittime dell’attacco e conta numerosi monumenti memoriali. In seguito, visiteremo il Peace Memorial Museum, che passa in rassegna la storia di Hiroshima fino all’avvento della bomba, soffermandosi sugli eventi di quel tragico 6 agosto.

Tappa: 6 - Giorno: 6 - Hagi  
Raggiungeremo la “Città Vecchia” di Hagi in auto. Il tour comprende visite al parco Shizukiyama e al castello di Hagi. Intorno alle rovine del castello, in questo periodo dell’anno, ci sono circa 600 alberi di ciliegio in fiore. In seguito raggiungeremo il Samurai Quarter, che conserva le case e le strade in stile tradizionale giapponese. Dentro una di queste case avremo l’occasione di vedere come i Giapponesi vivevano attraverso le loro tradizioni. Sarà possibile poi esplorare l’area liberamente.La prossima sosta sarà al tempio Tokoji. Il tempio appartiene alla scuola buddista zen di Obaku-shu, dove risposano i primi due daimyo del clan Mori, una potente famiglia di proprietari terrieri del Giappone pre-moderno. Il cancello principale, quello triplo e il campanile sono registrati come beni culturali. Yoshinari Mōri e tutte le generazioni Mori fino all’undicesima, le loro mogli, figli e amici più stretti sono seppelliti nel cimitero dietro l’edificio principale. Di fronte a queste tombe ci sono più di 500 lanterne di pietra, donate da generazioni tarde del clan Hagi.

Tappa: 7 - Giorno: 7 - Sakaiminato, Matsue e Yasugi  
Da Sakaiminato, verso l’entroterra, si trovano le cittadine di Matsue e Yasugi, molto diverse tra loro, ma entrambe tradizionali alla loro maniera. Matsue è conosciuta come la “città dell’acqua” e si trova vicino ai laghi Shinji e Nakanoumi; la città offre anche uno dei pochi castelli di legno rimasti in Giappone e oltre a visitare queste attrazioni sarà possibile navigare il fiume Horikawa e il fossato del castello. Yasugi esibisce una delle collezioni migliori di dipinti di arte contemporanea giapponese al museo di Adachi, circondato da un giardino di 165,000 metri quadrati impreziosito da rocce e piante collezionate dal fondatore del museo. Sei diversi giardini modificano il paesaggio a seconda delle stagioni; secondo il motto per cui il giardino giapponese è un’immagine in movimento, questi parchi hanno vinto il premio di “miglior giardino del Giappone” per molti anni consecutivi.

Tappa: 8 - Giorno: 8 - Oki  
L’arcipelago Oki conta 180 isole grandi e piccole. Molti Giapponesi visitano queste romantiche isole, per via dei siti storici e della tradizione antica. Due escursioni sono dirette all’altare di Yurahime, il guardiano del mare; quando la dea Yurahime-no-mikoto si stava lavando le mani con l’acqua del mare, un calamaro le morse la mano e da allora banchi di calamari nuotano a riva per esprimere il loro pentimento. Questa scena è raffigurata nell’ambiente principale dell’altare. I calamari sono un motivo decorativo e architettonico ricorrente nella zona dell’altare, ad esempio le cabine telefoniche hanno la forma di quest’animale. Dopo una breve sosta ad Akao, proseguiremo per il promontorio di Matengai, dove effettueremo un trekking di due chilometri lungo la costa per ammirare dall’alto la strabiliante costa Kuniga. Il promontorio si erge ripido per 257 metri sopra il mare, la cui cima è piatta e ricoperta da un prato e un sentiero percorribile. Dopo le escursioni rientreremo sulla nave, che fiancheggerà la costa di Kuniga.

Tappa: 9 - Giorno: 9 - Maizuru, Kyoto  
Oggi ci dirigeremo verso Kyoto, rinomata per la sua architettura. Il tour comincia al castello di Nijo, un forte di legno di cipresso del 1603, costruito come residenza del clan Tokugawa e oggi sito UNESCO. Il castello è protetto da un fossato, mura di pietra e pavimenti “usignolo”, che “cantano” qualora qualcuno ci passi sopra, allertando le guardie. Il forte tuttavia era anche una casa, e quindi decorata con sculture di legno, porte scorrevoli magnificamente dipinte e grandi stanze da tatami. Dopo un pranzo giapponese, proseguiremo l’itinerario verso il più famoso monumento di Kyoto, il Tempio Kinkakuji, o Tempio del padiglione d’oro. Costruito come villa nel 1397 da Shogun Ashikaga, la casa a tre piani fu convertita in un tempio dal figlio di Yoshimitsu. Posto sul bordo di uno stagno, il tempio dalle influenze cinesi presenta tetti dolcemente incurvati e le pareti, i cornicioni del secondo e terzo piano ricoperti in foglia d’oro e giardini silenziosi. Nel frattempo, a Kyoto è il picco della stagione di fioritura dei ciliegi, uno spettacolo veramente incredibile.L’ultima tappa della giornata è Arashiyama, un piacevole quartiere della periferia orientale di Kyoto, famosa per i boschetti di bambù, particolarmente gradevoli con un lieve venticello. Interessante è anche la villa Okochi-Sanso, fatta di numerosi giardini e edifici, inclusi quartieri abitati, tea house e un aula per la meditazione Zen.

Tappa: 10 - Giorno: 10 - Kanazawa  
Il tema di oggi sarà l’arte, poiché Kanazawa è famosa per gli oggetti in legno laccato, la ceramica Kutani, le fatture in foglia d’oro e i kimoni finemente dipinti. Oltre a questi prodotti acquistabili, Kanazawa ha il Kenrouken, uno dei giardini più famosi del Giappone, vicino al castello di Kanazawa. Il tour inizia con una visita al mercato Omi-cho con i suoi banchetti di cibo di mare locale, prima di raggiungere il parco. Il giardino ha uno stagno artificiale e case e colline sparse sui suoi undici ettari, oltre alla fontana più antica del Giappone e una tea house del 1774. Dopo pranzo ci sarà un’esibizione di geisha a un ristorante locale. Nel pomeriggio visiteremo il distretto di Higashi Chaya Gai, il più grande distretto di geisha di Kanazawa. Alcune case non solo conservano la struttura originale, ma sono ancora case delle geisha tuttora. Le strade sono adornate di negozi tradizionali che conferiscono un’atmosfera nostalgica al luogo.

Tappa: 11 - Giorno: 11 - Sado  
Sado è la sesta isola più grande del Giappone e la sua economia si basa principalmente sulla pesca e la produzione di riso. Oggi visiteremo il Tori Forest Park, per assistere all’efficace reintroduzione dell’ibis crestato in Giappone. La popolazione mondiale totale di questa specie nel 1981 era stimata a dodici esemplari. A quel tempo, gli ultimi cinque ibis selvatici trovati in Giappone furono messi in cattività e anche la Cina partecipò al programma di conservazione. Il programma si è rivelato efficace e nel 2012 gli ibis sono stati reintegrati nel loro habitat naturale.Prima di tornare sulla Silver Discoverer sarà possibile visitare la miniera d’oro di Sado. Per i più avventurosi, una discesa nei suoi profondi tunnel mostrerà le condizioni in cui l’oro è stato estratto per quasi 400 anni.

Tappa: 12 - Giorno: 12 - Sbarco a Niigata  
Dopo la colazione, sbarco dalla Silver Discoverer.1. Isola di Sado; 2. Tempio Kinkakuji; 3. Sakaiminato.

PARTENZE


25/03/2018    

Prezzo del viaggio 10.697 Euro TUTTO INCLUSO

Att.ne per questo viaggio non sono previste riduzioni.



Gallery


Richiedi un preventivo

Email*:  
Data Partenza:
Data Ritorno:
Numero Adulti:
Numero Bambini:
Aeroporto di Partenza:
Vuoi volare in business:
Budget:
Tipo Sistemazione:
Lingua Guida:
 
L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei conforni di Kel 12 Travel S.p.A. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 Travel S.p.A. nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le regole di tutela della privacy proposte da Kel 12 Travel S.p.A.

 

 

Servizi inclusi nelle quote viaggio

Prezzi quotati in euro, pertanto non soggetti ad adeguamento valutario.

 

La quota base comprende:

                    Sistemazione in cabina Explorer  Suite;

                    Formula All-Inclusive: bevande e cibo in suite ed in tutti i locali della nave;              

                    Trasporto dal porto di attracco alla città nei porti principali;

                    Servizio in camera 24 ore;

                    Wi-fi a seconda della suite scelta;

                    Occasioni di intrattenimento e di arricchimento;

                    Mance;

                    Servizio maggiordomo;

                    Conferenze a bordo pertinenti il viaggio a cura di un Team di esperti altamente qualificato;

                    Tutti i tour, le escursioni  e le attività di gruppo;

                    Uno zaino, una borraccia in acciaio ed un parka per i viaggi in mete artiche.

 

La quota non comprende:

                    Volo dall’Italia per la città d’imbarco e viceversa;

                    Notti supplementari;

                    Trasferimenti da/per l’aeroporto.

 

 

Bene a sapersi

Explorer Suite

Explorer Suite

Dimensioni: 17.3m²

Fino a due ospiti

Ponte: 3

 

Goditi una zona relax a sè stante e lo scenario che scorre attraverso due finestre a oblò. Una confortevole opulenza, perfetta per riposarsi dopo un giorno di esplorazioni.

 

 

View Suite

View Suite

Dimensioni: 16.8m²

Fino a due ospiti

Ponti: 4, 5

 

Accogliente e confortevole, la View Suite  regala un rifugio rilassante anche agli ospiti più avventurieri. Dotata di una larga finestra e di un’ ampia zona relax.

 

 

 

Vista Suite

Vista Suite

Dimensioni: 25 m²

Fino a tre ospiti

Ponte: 6

 

Un silenzioso santuario dove rifugiarsi; la suite offre una zona living con abbondante spazio per rilassarsi. Due ampie finestre incorniciano suggestivi panorami oceanici in un ambiente piacevolmente intimo.

 

 

 

Veranda Suite

Veranda Suite

Dimensioni: 26m² con balcone

Fino a tre ospiti

Ponte: 6

 

La graziosa ed accogliente Veranda Suite offre ampie porte finestre che affacciano su un balcone dal quale godere di tramonti indimenticabili. Una garanzia Silver Sea

 

 

Medallion Suite

Medallion Suite

Dimensioni: 38m² con balcone

Fino a due ospiti

Ponte: 7

 

Un marchio di distinzione. Sontuosa e spaziosa questa suite dai raffinati tessuti dispone di altre porte finestre che affacciano su una spaziosa veranda arredata.

 

 

 

Potrebbero interessarti

Giappone Vietnam
Silver Muse: da Singapore a Hong Kong
Giappone
FOLKLORE E USANZE ANTICHE DELL'ESTATE NIPPONICA
Alaska Giappone
Silver Shadow: da Tokyo all'Alaska
Giappone
CAPODANNO TRA RITI ANTICHI E ATMOSFERE MODERNE

Articoli Correlati

Giappone
A caccia di foglie
Danimarca Giappone India Italia Vietnam
In viaggio dentro al Circle
Giappone
A caccia di foglie
Danimarca Giappone India Italia Vietnam
In viaggio dentro al Circle