LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA
 

ZATIK, LA PASQUA NELLA CRISTIANITA’ D’ORIENTE

ASIA / Armenia

Un proposta di viaggio breve per conoscere l’ARMENIA in occasione della Pasqua. Gli armeni furono i primi a convertirsi al Cristianesimo e in tutto il Paese rimangono numerose chiese e monasteri fortificati che hanno resistito a innumerevoli invasioni, a testimonianza del profondo attaccamento di questo popolo alla fede cristiana che ha fornito un’identità religiosa e una coesione nazionale mantenute intatte nei secoli. Le tappe del nostro breve soggiorno in Armenia includono la capitale Yerevan, le cattedrali di Echmiadzin e di Zvartnots, il monastero di Khor Virap incorniciato dal cono del Monte Ararat, il tempio di Garni e il monastero di Geghard. Il viaggio, confortevole, particolarmente adatto a chi nutre interessi storico-culturali, è un invito a scoprire l’Armenia dove, più che altrove, si può percepire l’eredità della storia, la tenacia dell’uomo e la forza della cultura, elementi che hanno forgiato in modo originale e affascinante questo piccolo grande Paese.

 


Prezzo del Viaggio

A partire da: 1450 Euro

Questo viaggio prevede le riduzioni del Club, scopri con il tuo consulente quelle a te dedicate. Att.ne la riduzione è applicabile solo nei punti vendita e agenzie di viaggio che aderiscono al circuito Kel 12 Circle

Il Club

Questo viaggio dà diritto a 45 Impronte del Club.
Scopri tutti i vantaggi di Kel 12 Circle: il club dei viaggiatori.

Durata

5 giorni e di 3 notti.

Partecipanti

Partenza garantita con minimo 6 persone e il gruppo sarà composto al massimo di 16 persone.

Itinerario di viaggio

Tappa: 1 - Giorno: 1 - Partenza da Milano per Yerevan via Vienna  
Partenza da Milano la sera con volo di linea e scalo a Vienna. Pernottamento a bordo.

Tappa: 2 - Giorno: 2 - Yerevan, "la città rosa" ricca di collezioni museali  
Arrivo all’aeroporto di Yerevan al mattino presto (03.35). Disbrigo delle formalità, ottenimento del visto e accoglienza da parte della guida locale. Trasferimento all’Hotel Historic Tufenkian Yerevan 4* (o similare) per qualche ora di riposo prima di iniziare le visite della città. Capitale dal 1918, cresciuta lungo le rive del fiume Hrazdan, Yerevan risulta piacevole grazie all’ampiezza degli spazi, al tufo usato per i palazzi che le donano delicate sfumature di colore rosa, all’abbondanza di parchi e fontane. In tarda mattinata inizio delle visite della città. La visita panoramica della città include Piazza della Repubblica, il cuore della capitale su cui si affacciano alcuni degli edifici più scenografici della città costruiti in tufo chiaro; il Teatro dell’Opera; la Cascade, la monumentale scalinata che collega la zona bassa del Teatro dell’Opera con il Parco della Vittoria, più in alto, dove si trova la statua intitolata a Madre Armenia. Il luogo è diventato un centro di aggregazione, molto animato e frequentato dai locali specie durante la bella stagione. Tra i vari allestimenti museali che Yerevan offre scegliamo il Museo di Storia Nazionale, ricco di reperti, che costituisce un’ottima base di partenza per rendersi conto di dove si è. L’Armenia è un paese effimero, un frammento del vasto territorio storico degli armeni, che nei secoli si è ampliato e ristretto molte volte. Quel che rimane è un lascito delle divisioni sovietiche degli anni 20 del XX secolo. Strepitoso è il piano alto che ospita due carri funerari in legno e una vasta collezione di oggetti di ceramica, bronzo, terracotta oltre a gioielli e coltelli.Sulla collina delle rondini, negli immediati dintorni di Yerevan, sorge il complesso formato dal Memoriale e Museo del Genocidio (Tsitsernakaberd) che commemora il massacro di circa un milione e mezzo di armeni ad opera del governo ottomano nel periodo dal 1915 al 1922. Il genocidio è una ferita aperta e l’ostilità verso i turchi è palpabile. Pensione completa con pasti in ristoranti locali, pernottamento in hotel.

Tappa: 3 - Giorno: 3 - Il tempio pagano di Garni e il monastero rupestre di Geghard  
Prima colazione. Iniziamo la giornata visitando il Matenadaran, la grande biblioteca dove sono conservati più di 17.000 manoscritti, codici miniati e libri antichi di inestimabile valore. Alcuni di questi codici sono l’unica copia rimasta, tradotta in armeno, dell’originale andato perduto, come “Le categorie” di Aristotele o la traduzione delle “Cronache” di Eusebio di Cesarea e molte altre opere greche, latine, arabe…Il più antico manoscritto completo e datato è il Vangelo di Lazzaro dell’887, uno dei più belli quello di Echmiadzin, realizzato a Noravank nel 987. I manoscritti meravigliano per l’abilità delle miniature i cui fregi ornamentali brillano come fossero composti da pietre preziose. Il tempo non ne ha appassito i colori chiari e brillanti. Al termine della visita partenza per il sito di Garni situato a 30 km dalla città con sosta all’Arco di Charents, un monumento dedicato al poeta Yeghishe Charents, ma anche un ottimo punto panoramico per ammirare la mole del Monte Ararat sulla cui vetta, secondo la tradizione, sarebbe approdata l’Arca di Noè dopo il Diluvio Universale. A picco sulla profonda valle del fiume Azat, innalzato su di un promontorio, in uno scenario di montagne aride e selvagge, si profila la cittadella di Garni risalente al I secolo a.C. L’insieme architettonico comprende un tempio pagano dedicato al sole, unico esempio di costruzione ellenistica conservatosi in Armenia. Pranzo ospitati presso una casa locale. Proseguimento per giungere al complesso monastico di Geghard (XII-XIII secolo), dove la tradizione vuole fosse conservata per lungo tempo la lancia, “geghard” in armeno, che trafisse il costato di Cristo. La reliquia è ora custodita presso la cattedrale di Echmiadzin. Il monastero è stato costruito in una gola montagnosa di grande fascino e la particolarità della sua costruzione, in parte ricavata nella roccia viva, fa di questo complesso un vero gioiello e uno dei monumenti da non perdere dell’architettura medievale armena. Il monastero è inoltre conosciuto per l’acustica perfetta della cappella che si trova dietro la chiesa principale. Attorno al monastero sono visibili numerosi “khachkar”, steli funerarie a forma di croce, alcuni finemente scolpiti nella roccia della montagna. Rientro a Yerevan e visita alla fabbrica di brandy con degustazione. Cena in ristorante e pernottamento in hotel.

Tappa: 4 - Giorno: 4 - Pasqua a Echmiadzin, il Vaticano armeno; la cattedrale di Zvartnots e il monastero di Khor Virap all'ombra del Monte Ararat  
Dopo la colazione partenza verso est, attraverso le periferie e i palazzoni d’epoca sovietica, verso la città di Vagharshapat, antica capitale dell’Armenia fondata nel III secolo a.C., a circa 20 km dalla capitale. La Pasqua armena, Zatik, è uno dei momenti più suggestivi che la spiritualità cristiana possa offrire. Oggi potremo assistere in parte al rituale pasquale, molto sentito e partecipato dalla gente, in un luogo davvero speciale: la Cattedrale di Echmiadzin, uno degli edifici di culto cristiani più antichi al mondo e sede del "Catholicos" della Chiesa Apostolica Armena, il quale presiede alla Messa pasquale.Oltre alla Cattedrale di Echmiadzin visitiamo alcune tra le più antiche e splendide chiese armene, quelle intitolate alle sante Gayanè (630) e Hripsimè (618) dedicate a due vergini cristiane martirizzate dal re Tiridate III. Con queste due chiese l’architettura classica armena raggiunge la perfezione. Nel giardino della cattedrale è possibile ammirare alcuni khachkar, steli funerarie a forma di croce di pregevole fattura e la porta del re Tiridate risalente al VII secolo. Poco distante si trova il Tempio di Zvartnots, delle “forze vigilanti”. Costruito da Narsete III nel 652 è crollato per un terremoto avvenuto tra il 930 e il 1000. Il sito, oggi ridotto in rovina, forma una collina di ruderi ancora in gran parte da esplorare. Una lunga campagna di scavi condotta tra il 1900 e il 1907 ha rivelato la consistenza completa e la grande importanza archeologica e architettonica del complesso che fu uno dei capolavori dell’architettura armena dell’Alto Medioevo. Il tempio si distingue per la profusione di sculture e altorilievi di cui si può ancora ammirare la ricchezza dei capitelli di stile ionico. Echmiadzin e Zvartnots sono entrambi inseriti tra i siti Patrimonio Culturale dell’Umanità dell’UNESCO. Pranzo presso una comunità locale. Ripartiamo in direzione sud, verso l’impervia e isolata regione montagnosa di Yeghegnadzor che conserva alcuni tra gli esempi più belli dell’arte armena. La strada attraversa la fertile valle dell’Ararat, unica vera pianura della piccola repubblica dove è possibile praticare un’agricoltura sistematica. Raggiungiamo il monastero di Khor Virap, situato in cima a un colle sulla fertile piana su cui troneggia l’immancabile Monte Ararat. Questo è uno dei punti più vicini al colossale monte biblico, che si offre in tutto il suo splendore nelle giornate limpide. Sebbene il luogo sia già di per sé molto bello, la storia di Khor Virap lo rende ancora più interessante. Si narra che il re Tiridate III si ammalò misteriosamente in seguito alla sua violenta soppressione del cristianesimo che aveva cominciato a diffondersi in Armenia nel tardo III secolo. Venne miracolosamente guarito da Gregorio l’Illuminatore, un evangelista devoto, che aveva condannato a morire in una fossa tredici anni prima a causa della sua fede, ma che era sopravvissuto miracolosamente. Grato e sorpreso, il re adottò la nuova religione e nel 301 d.C. fece dell’Armenia la prima nazione al mondo ad adottare ufficialmente il cristianesimo. Il pozzo dove San Gregorio l’Illuminatore fu imprigionato per tredici anni si chiama Khor Virap (fossa profonda) ed è visitabile all’interno del monastero, nella cappella dedicata a San Gregorio. Rientro a Yerevan in serata. Cena in ristorante e pernottamento in hotel.

Tappa: 5 - Giorno: 5 - Partenza con il volo di rientro  
Trasferimento all’aeroporto per il volo di rientro in Italia in partenza alle 04.25. Arrivo in Italia in mattinata. Monastero di Geghard 2. Cattedrale di Zvartnots3. Monastero di Khor Virap

PARTENZE


29/03/2018    

Prezzo del viaggio 1.713 Euro TUTTO INCLUSO

Iscrivendosi al club avrai molti vantaggi, tra cui riduzioni di prezzo variabili.
Il prezzo del viaggio per utenti che appartengono al:
LIVELLO 1: 1.713 Euro
LIVELLO 2: 1.684 Euro
LIVELLO 3: 1.655 Euro
LIVELLO 4: 1.626 Euro
LIVELLO 5: 1.597 Euro



Gallery


Richiedi un preventivo

Email*:  
Data Partenza:
Data Ritorno:
Numero Adulti:
Numero Bambini:
Aeroporto di Partenza:
Vuoi volare in business:
Budget:
Tipo Sistemazione:
Lingua Guida:
 
L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei conforni di Kel 12 Travel S.p.A. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 Travel S.p.A. nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le regole di tutela della privacy proposte da Kel 12 Travel S.p.A.

 

 

Servizi inclusi nelle quote viaggio

LA QUOTA COMPRENDE:

 

  • Trasporto aereo con voli di linea Austrian Airlines da Milano a/r in classe economica
  • Franchigia bagaglio aereo kg 20 per persona
  • Trasferimenti da/per gli aeroporti all’estero
  • Trasporti interni con minibus/bus con aria condizionata a seconda del numero di partecipanti
  • Sistemazione in camera doppia in albergo 4* a Yerevan
  • Camere subito disponibili all’arrivo a Yerevan
  • Trattamento di pensione completa
  • Acqua naturale ai pasti e a disposizione sul pullman
  • Visite ed escursioni come da programma, ingressi, tasse e percentuali di servizio
  • Visita alla fabbrica di brandy con degustazione
  • Guida locale parlante italiano
  • Accompagnatore Kel 12 al raggiungimento del numero minimo di partecipanti richiesto

 

 

LA QUOTA NON COMPRENDE:

 

  • Trasferimenti da/per gli aeroporti in Italia
  • Le tasse aeroportuali estere e il fuel surcharge
  • Mance (vedere il paragrafo “Bene a sapersi”)
  • Facchinaggio
  • Bevande ai pasti
  • Spese extra personali in genere e tutto quanto indicato
  • come facoltativo
  • Tutto quanto non espressamente indicato nel programma e al paragrafo “La quota comprende”

 

 

Bene a sapersi

  • La primavera e l’autunno sono le stagioni ideali per visitare l’Armenia, quando le temperature non sono né troppo calde, né troppo fredde e i colori della natura riempiono gli occhi.

 

  • Consigliamo un abbigliamento comodo e informale e scarpe confortevoli. Prevedere una giacca e golfino o maglione per le sere più fresche.

 

  • La maggior parte delle compagnie aeree prevede la preassegnazione dei posti a sedere a pagamento. Vi preghiamo di verificare tale aspetto con il nostro Ufficio Vendite.

 

  • Mance (suggeriamo di prevedere circa 40/50 Euro di mance a seconda della dimensione del gruppo da consegnare all’accompagnatore che provvederà a distribuirle a guida, autisti e personale di servizio).

 

 

 

 

Potrebbero interessarti

Armenia
SPECIALE DOVECLUB: CHIESE E MONASTERI ALL'OMBRA DELL'ARARAT
Armenia Georgia
LE CIVILTA' CRISTIANE DEL CAUCASO
Armenia
CHIESE E MONASTERI ALL'OMBRA DELL'ARARAT
Armenia Iran
INCONTRO TRA OCCIDENTE E ORIENTE

Articoli Correlati

Danimarca Giappone India Italia Vietnam
In viaggio dentro al Circle
Giappone
A caccia di foglie