LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA
 
NATURA |

Mari lontani: tra Asia e Africa

di Daria Reggente

Al pensiero di spiagge paradisiache e mari smeraldo la mente vaga verso terre lontane. La miglior incarnazione del desiderio prende forma in due continenti, l’Asia e l’Africa, madri delle coste della Thailandia e della selvaggia Tanzania. Due destinazioni che meritano di essere incluse nella “to do” list di quest’anno, grazie anche al loro clima quasi sempre mite e favorevole che permette un’ampia scelta di periodi in cui andare.

La Thailandia, paradiso tra il mare delle Andamane e il Golfo del Siam, con i suoi mari cristallini e le lunghe coste di sabbia bianca è diventata negli ultimi anni la meta prediletta dei turisti in cerca di paradisi low cost. I biglietti aerei a poco prezzo (spesso e volentieri anche di compagnie “big” come Emirates) e gli hotel a 4 stelle al costo, quasi, di un ostello in Europa sono le irresistibili tentazioni che hanno spinto nell’ultimo anno più di 30 milioni (secondo il nostro Ministero degli Esteri) di turisti a prenotare una vacanza tra le isole del Regno di Tailandia. Ko Samui, Koh Phangan, Ko Tao, Phuket e le Phi Phi Islands le più gettonate.

Thailandia. Stone town
Thailandia. Stone town

Imperdibili e per buona parte ancora selvagge sono invece le isole più a nord, quasi al confine cambogiano, come Ko Chang e Ko Kut, sebbene meno semplici da organizzare, a causa del loro clima che poco si presta a una partenza in ogni stagione. Se infatti il piccolo arcipelago della provincia di Surat Thani, a sud del Paese e protetto dal golfo, risente in maniera minore delle piogge monsoniche, il nord difficilmente è clemente nella stagione di piena (luglio e agosto).
Con buona pace degli amanti dell’avventura, le spiagge della Thailandia offrono ormai ogni genere di comodità, dai piccoli bar ai caotici lettini di Chaweng beach a Koh Samui.
Ma niente paura, per assaporare una Thailandia ante-modernità bastano un motorino e qualche buon suggerimento degli autoctoni, ed ecco comparire, anche tra queste isole ormai a immagine di turista, dei piccoli paradisi tropicali.

Zanzibar
Zanzibar

A distanza di quasi 8000 chilometri dalla Thailandia, la Tanzania è un’altra tappa obbligata per chiunque sia alla ricerca di destinazioni esotiche.
Una doverosa premessa non può che includere una visita ai due parchi simbolo del continente africano: il Parco Nazionale del Serengeti, celebre meta di safari tra elefanti, leoni e rinoceronti e il Parco Nazionale del Kilimangiaro, culla della montagna più alta dell’Africa.

Tanzania safari
Tanzania safari

Se la ricerca però è diretta ai paesaggi marini, il primo pensiero va alle acque cristalline di Zanzibar, arcipelago parte della Repubblica Unita della Tanzania. Erroneamente immaginate come un’unica isola, Zanzibar è in realtà composta da due isole principali, Unguja (la più grande) e Pemba, oltre a una moltitudine di atolli minori. Attrattiva principale del luogo, ça va sans dire, sono le spiagge da cartolina e le acque che custodiscono la splendida barriera corallina.
Vale la pena, però, uno sguardo veloce anche alla sua capitale, Zanzibar city, dove si trova l’antico quartiere di Stone Town, un meraviglioso e variopinto miscuglio di architettura moresca, araba, persiana, indiana ed europea, che definisce perfettamente la cultura swahili. Non a caso la città vecchia, dichiarata 18 anni fa patrimonio dell’Unesco, è un luogo unico al mondo dove eccentricità e multiculturalità sono espresse dai suoi monumenti più celebri: la moschea di Malindi, la cattedrale di San Giuseppe e il Palazzo del Sultano.
Lo spettacolo più straordinario dell’arcipelago resta comunque un regalo della natura. Che sia durante una passeggiata sulla spiaggia o in un’immersione di snorkeling, la possibilità di incontrare animali esotici in libertà è davvero elevata: dalle tartarughe che riposano sul bagnasciuga ai delfini e (con un po’ di fortuna) alle balene che nuotano accanto alle barche in mare aperto.

Tanzania. Foto di Koseb
Tanzania. Foto di Koseb

Piccolo paradiso segreto dell’arcipelago è Mafia Island, conosciuta anche come Chole Samba dove mangrovie e barriera corallina fanno da padrone. Meno conosciuta rispetto a Unguja e Pemba, conserva molto del suo fascino selvaggio e incontaminato grazie al suo Parco Marino di eccezionale bellezza, uno dei pochi posti al mondo in cui è possibile avvistare il simpatico dugongo, enorme (e innocuo) mammifero acquatico. Una curiosità è d’obbligo sull’etimologia del nome dell’arcipelago, che se a noi rimanda ad altri mondi, in questo contesto “mafia” deriva dall’arabo morfiyeh (“gruppo” o “arcipelago”) o dallo Swahili mahali pa afya (“luogo salutare”).
Resta da dire che l’arcipelago di Zanzibar non è il solo mare che la Tanzania ha da offrire. Quasi 800 chilometri di coste spettacolari sono a disposizione di chiunque sia alla ricerca di terre incontaminate e che al ritorno, sappia mettere in conto un po’ di mal d’Africa.

Tanzania
Tanzania

 

In Apertura Tanzania, foto di Daria Reggente.

 

 

 

 

 

Condividi la tua passione...

Potrebbero interessarti

Tanzania
LA GRANDE MIGRAZIONE, IN VIAGGIO COL FOTOGRAFO
Tanzania
TREKKING SUL KILIMANJARO E SAFARI
Tanzania
2020 LA GRANDE MIGRAZIONE, IN VIAGGIO COL FOTOGRAFO
Tanzania
ZANZIBAR: MWEZI BOUTIQUE HOTEL