VIAGGIO NEGLI STATI UNITI DEL SUD: LE TERRE DEL BLUES - Circle
LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA

VIAGGIO NEGLI STATI UNITI DEL SUD: LE TERRE DEL BLUES

Perché un Mississippi Blues Trail? Al pari di tutte le esperienze fondamentali nella storia dell’umanità, anche per il blues sarebbe vano tentare di individuarne un’origine precisa e lineare. Il suo è un canto corale, affonda le radici nella vicenda tragica di un popolo intero. Esprime nostalgia verso la patria perduta, una tristezza infinita come le piantagioni di cotone, dolce come i vasti tramonti d’America. Ci si può solo mettere sulle sue tracce, attraversando un paesaggio geografico e storico, cogliendole in tradizioni collettive e miti inaugurali, in aneddoti su musicisti leggendari, tra locali malandati e opere d’arte miliari.

Partiamo da Atlanta, culla di un’interessante scena blues negli anni ‘20 e ‘30 (si pensi a Peg Leg Howell), tutt’oggi ricca di locali con musica live. Dopo una visita al Museo di Gone with the Wind a Marietta, per uno spaccato sul sostrato sociale e culturale afroamericano da cui sorse il blues, ci dirigiamo verso l’Alabama.

Il Mississippi Blues Trail prosegue con una puntata a Gardendale, poco fuori da Birmingham, in modo da scoprire i luoghi di Hank Williams, il cosiddetto “Dio del Country”, genere variamente commisto alla musica nera, quindi a Florence, patria del “Father of the Blues”, il mitico W.C. Handy, senza rinunciare a un tour dell’Alabama Blues Hall of Fame della vicina Tuscumbia. Ora un breve tratto in Mississippi per recarci a Memphis, Tennessee, la grande fucina artistica e discografica dove negli anni 50-60 si sono incontrate e fuse le diverse anime etniche della musica southern.

Lungo il tragitto risultano d’obbligo una sosta a Tupelo, con la casa natale di Elvis Presley, The King, “il bianco dalla voce nera”, e alla ricchissima collezione del Blues Archive dell’Università di Oxford, cittadina cruciale nell’evoluzione stilistica del blues. A Memphis non si possono perdere: i Sun Studio, “birthplace del Rock’n’Roll”, la casa museo di W.C. Handy su Beale Street, la strada madre del blues piena di locali storici, tra cui quello di B.B. King;  lo Stax Museum, appartenente alla principale etichetta gospel del mondo; Graceland, la sontuosa dimora di Elvis; il National Civil Rights Museum, ospitato nel motel dove fu assassinato Martin Luther King, e poi a scelta la Memphis Music Hall of Fame e la Blues Hall of Fame.

È ora di discendere il corso del Mississippi fino alla regione del Delta. Ci troviamo nel cuore del Mississippi Blues Trail, nel suo tratto più denso di memorie, voci, personaggi. Alcuni must che si incontrano: a Clarksdale, il Delta Blues Museum e il Ground Zero Blues Club di Morgan Freeman; i luoghi di Robert Johnson a Greenwood; la casa natale di B.B. King a Itta Bena e il museo dedicatogli a Indianola, famosa anche per un juke joint leggendario, il Club Ebony. Dopo una sosta a Jackson, importante polo musicale raccontato dalla Mississippi Musicians Hall of Fame Museum della contigua Clinton, si prosegue verso la splendida cornice coloniale di Natchez, dalla consolidata identità blues.

Eccoci alle porte di New Orleans, la capitale creola in bilico tra tenebre e redenzione: nei locali del French Quarter al blues si aggiungono lo zydeco, le sonorità cajun e, ovviamente, il jazz. Il suo tempio è la Preservation Hall. Da vedere i cimiteri voodoo e le dimore storiche del centro. Ripartendo merita un pellegrinaggio il 100 Men D.B.A. Hall, epico juke joint di Bay St. Louis, sul tratto costiero del Mississippi. Si rientra in Alabama con una notte a Montgomery, capitale nella lotta per l’uguaglianza razziale grazie alle famose marce provenienti da Selma e all’autobus di Rosa Parks. Prima di chiudere il cerchio ad Atlanta l’ultima sosta è Macon, il “Vaticano della musica del Sud” che vanta la casa museo di una delle band principali del southern rock, gli Allman Brothers. Il Mississippi Blues Trail si è chiuso, ma non la sua carica di magia profonda, nera, americana.

Condividi la tua passione...
sconto
Questo viaggio beneficia della riduzione riservata ai Viaggiatori del Club. Scopri quanto vale per ogni data di partenza
*La riduzione Club è usufruibile solo fino al: 10 2019

Dove: AMERICHE / STATI UNITI D'AMERICA

Prezzo a partire da: 1340 €

Durata 10 giorni / 8 notti


Potrebbero interessarti